Home Gatti Salute dei Gatti Ipostenuria nel gatto: le cause, i sintomi e il trattamento

Ipostenuria nel gatto: le cause, i sintomi e il trattamento

Ipostenuria nel gatto, è una condizione clinica in cui si manifesta uno squilibrio chimico nell’urina. Vediamo quali le cause, i sintomi e la cura.

gatto dal veterinario
(Foto AdobeStock)

Anche il vostro gatto, come tutti gli esseri viventi a questo mondo, può essere soggetto a malattie, con un’unica grande differenza, ovvero la difficoltà nell’individuarla.

Chi ha un gatto, sa benissimo quanto possa essere difficile captare una situazione di malessere in questo animale.

Per quanto nei secoli possa essersi avvicinato all’uomo e addomesticato, la sua indole è rimasta selvatica e tende a nascondere le sue debolezze, nascondendo talvolta anche segnali importanti.

Ci sono volte invece che pur mettendocela tutta non può celare la sua sofferenza, come nel caso di ipostenuria nel gatto. Conosciamo meglio questa patologia, i sintomi e come curarla.

Cause dell’ipostenuria nel gatto

L’ipostenuria nel gatto può essere dovuta a traumi, rilascio anormale di ormoni o tensione eccessiva nel rene.

gatto dal veterinario
(Foto AdobeStock)

Generalmente, la concentrazione e regolazione delle urine dipende da un’elaborata interazione tra l’ormone antidiuretico (ADH), il recettore proteico per l’ADH sul tubulo renale e la tensione del tessuto all’interno del rene.

Perciò se questo ormone antidiuretico chiamato ADH, viene disturbato nella sua funzione, da un farmaco o un disturbo, questo danneggerà il tubulo renale.

Sintomi

I sintomi di ipostenuria nel gatto sono per forza di cose differenti a seconda della causa alla base del disturbo.

gatto dal veterinario
(Foto AdobeStock)

Tuttavia, i principali segnali di malessere nell’animale possono essere i seguenti:

Benché si tratti di sintomi piuttosto evidenti, difficilmente riuscirete a capire che il vostro gatto è vittima di qualche patologia, ma soprattutto di quale, in quanto si tratta di avvisaglie presenti in diverse patologia.

Ad ogni modo davanti a questi segnali anomali è opportuno non tentennare e trasportare il gatto dal veterinario.

Diagnosi e trattamento dell’ipostenuria nel gatto

Per poter eseguire una diagnosi corretta, il veterinario dovrà effettuare innanzitutto un esame fisico approfondito sul gatto.

Successivamente, dovrà essere messo a conoscenza di eventuali incidenti e della storia clinica dell’animale, fino al momento in cui ha mostrato i primi sintomi.

Dopodiché, procederà con i dovuti esami che sono:

  • profilo ematico completo, incluso un profilo ematico chimico;
  • emocromo completo;
  • analisi delle urine, con particolare attenzione sulla determinazione del peso specifico dell’urina. Un test questo che determina la capacità funzionale del rene, ovvero la sua capacità di eliminare le molecole di scarto senza eliminare elementi nutrienti o acqua;
  • controlli di livello dell’ormone adrenocorticotropo al fine di determinare la causa dell’ipodrenocorticismo nel gatto;
  • ecografia può essere utilizzata per valutare la dimensione surrenalica, la dimensione e l’architettura dei reni e del fegato e le dimensioni uterine;
  • radiografia per determinare se i reni o gli organi del tratto urinario circostanti sono in qualche modo danneggiati;
  • pielogramma endovenoso, una tecnica diagnostica più accurata per un esame visivo dei reni, dell’uretere e della vescica urinaria del gatto.

Una volta ottenuti tutti i risultati dal laboratorio, il veterinario avrà il quadro completo e chiaro, potrà quindi determinare la diagnosi e stabilire la terapia idonea.

Il trattamento dipenderà dalla causa sottostante, ad ogni modo anche se il gatto ha difficoltà nella minzione o mostra una sete eccessiva, è opportuno non limitare mai l’acqua, a meno che non sia stato suggerito dal veterinario.

La disidratazione nel gatto è una possibile complicanza dell’ipostenuria, quindi fate attenzione a reintegrare nel modo giusto il vostro micio.