Home Gatti Salute dei Gatti Mal di denti nel gatto: come individuarlo, cura e prevenzione

Mal di denti nel gatto: come individuarlo, cura e prevenzione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:38
CONDIVIDI

Il tuo micio non si riesce a mangiare bene? Potrebbe essere solo uno dei sintomi principali del mal di denti nel gatto: ecco cosa sapere.

Mal di denti nel gatto
Mal di denti nel gatto: come riconoscerlo e curarlo (Foto Pixabay)

Come il suo padrone anche il gatto può soffrire di mal di denti: questo problema può sorgere per diverse causa, tra cui naturalmente anche una scarsa igiene orale. E’ vero che i felini sono animali molto puliti, ma anche noi umani dobbiamo fare del nostro per tenere la sua bocca sempre fresca e pulita. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla dentatura del micio e come prevenire e curare il mal di denti nel gatto.

Potrebbe interessarti ancheGatto senza denti: cosa dargli da mangiare e come alimentare un micio sdentato

Qualche accenno alla dentatura del gatto

Micio
Micio a bocca aperta (Foto Pixabay)

Ma come e quanti sono i denti del nostro amato amico felino? Bisogna distinguere tra una prima fase (quella ‘da latte’ o decidua) e una seconda (quella definitiva). Come per i segni interni al tronco di un albero, è proprio dai denti che si parte per definire l’età di un gatto di cui non conosciamo le origini.

Nella prima fase i denti sono 26 (13 per arcata): 3 incisivi superiori e 3 inferiori, 1 canino superiore e 1 inferiore, 3 premolari superiori e 2 inferiori. Nella fase definitiva, ai denti citati si aggiungono 4 molari (due per ogni emiarcata dentale). Ed è proprio il molare a fare la differenza con i denti umani: se infatti noi mastichiamo il cibo servendoci di questi denti, nel felino hanno una funzione molto ridotta rispetto al nostro caso. Il loro modo di mangiare infatti è quello di dividere il cibo in pezzi più o meno grossi, che possono restare incastrati nei denti.

Mal di denti nel gatto: i segnali da non sottovalutare

Come facciamo a capire se il gatto ha mal di denti? Di certo non si lamentano come noi umani ma mostrano comunque dei sintomi insoliti. Solitamente ci si basa sul fatto che il micio ha grosse difficoltà a mangiare e talvolta evita il momento del pasto, ma anche dal fatto che può soffrire di alitosi (Leggi qui: Migliorare l’alito del gatto: rimedi naturali e igiene orale), segno che qualcosa tra i denti può essere marcito. Non tutti i padroni sono in grado di riconoscere i problemi dentali appena nascono, ma sarebbe opportuno tenere sotto controllo la salute non solo dei denti ma anche delle gengive.

Ma non sono solo questi i segnali importanti da riconoscere: eccone altri.

E’ ovvio che un gatto che non riesce a mangiare né a riposare bene sarà più nervoso e agitato. Capire e risolvere il problema dentale non basta però solo a risolvere i problemi di alimentazione ma anche ad evitare la propagazione di infezioni che potrebbero essere mortali.

Potrebbe interessarti anche7 Problemi comuni dei denti del gatto: quali sono e cosa fare

Problemi dentali del micio: tutte le cause possibili

Mal di denti nel gatto
Mal di denti nel gatto: sintomi, cure e prevenzione (Foto Pixabay)

Una premessa doverosa è che tra le cause principali del mal di denti nel gatto si riscontra difficilmente la carie: infatti in felini non sono grandi consumatori di zuccheri, quindi il più delle volte sviluppano tartaro ma non carie sui loro denti (Leggi qui: Carie dentali nel gatto: come riconoscerle, le cause ed i rimedi). Vediamo insieme quali possono essere le cause principali di questi problemi dentali del micio.

  • Accumulo di placca e tartaro: provoca infiammazione e infezioni batteriche anche molto serie. I batteri provocano la placca e quest’ultima, accumulatasi sui denti e attaccata al calcio, forma il tartaro (nero, ruvido e molto difficile da togliere).
  • Malattie sistemiche: insufficienza renale nel gatto, diabete nel gatto.
  • Malattie autoimmuni: lupus eritematoso e granuloma.
  • Malattie virali: rinotrachite infettiva, leucemia nel micio (leggi qui: FeLV o leucemia felina nel gatto: sintomi, trasmissione, cura) e peritonite infettiva.
  • Denti storti.

Cura e prevenzione del mal di denti nel gatto

Micio
Micio a bocca aperta (Foto Pixabay)

Innanzitutto una buona igiene dentale del gatto e controlli periodici dal veterinario possono prevenire o cogliere sul nascere diverse cause precedentemente elencate. E’ possibile prevenirle anche con l’alimentazione: il cibo masticato infatti consente di eliminare tracce e residui di altra pappa tra i denti (consideriamo che la pappa umida e le crocchette possono facilmente restarvi incastrate). Anche l’utilizzo dell’erba gatta può essere un valido alleato nella lotta all’alitosi e per tranquillizzare un micio agitato. Solo nei casi peggiori e quando il veterinario lo riterrà opportuno, il gatto dovrà essere sottoposto ad un intervento chirurgico di estirpazione del dente.

Francesca Ciardiello