Home Gatti Salute dei Gatti 7 Problemi comuni dei denti del gatto: quali sono e cosa fare

7 Problemi comuni dei denti del gatto: quali sono e cosa fare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:57
CONDIVIDI

Una buona igiene dentale è importante per la salute del felino, per evitare eventuali problemi. Ecco 7 problemi dentali nel gatto che si possono presentare facilmente.

problemi dentali nel gatto
Problemi dentali nel gatto: le 7 patologie più comuni dei denti del felino (Foto Adobe Stock)

I gatti usano la bocca per tutte le attività, come mangiare, cacciare, mordere giocattoli e anche per la loro pulizia personale. Quindi i denti del gatto sono esposti a molti materiali diversi e batteri, e possono sviluppare varie forme di malattia dentale nel tempo.

Portare il felino regolarmente ad effettuare pulizie dentali ed esami di routine aiuterà a evitare questi problemi. Ma vediamo insieme 7 problemi dentali più comuni che possiamo riscontrare nel gatto.

Potrebbe interessarti anche: Denti del gatto: tutti i rischi e come tenerli sani e puliti

7 problemi comuni dei denti del gatto

caduta dei denti nel gatto anziano
I gatti anziani perdono i denti: perché e cosa fare (foto Pixabay)

Alitosi

Conosciuta come alitosi nel gatto, l’alito cattivo può essere il risultato di molteplici problemi nella cavità orale del felino, dalla semplice malattia parodontale ad una massa infetta.

L’alitosi può anche essere il risultato di una malattia sistemica come il diabete o una malattia renale. È importante tenere sotto controllo anche altri sintomi nel micio, infatti se il vostro gatto ha anche avuto vomito e diarrea, difficoltà di deglutizione, cambiamenti nell’appetito, dovreste chiamare il veterinario il prima possibile. In quanto questi possono essere segni di un problema di fondo più grave che deve essere affrontato rapidamente.

Malattia parodontale

La malattia parodontale è la condizione medica numero uno diagnosticata nei gatti, anche più dei problemi di peso, delle malattie renali o di qualsiasi altro problema che normalmente viene associato ai felini.

All’età di tre anni, la maggior parte dei gatti ha un certo grado di malattia parodontale, anche se spesso non sono presenti i segni precoci che possono aiutare facilmente nell’individuazione e nella cura.

Questa patologia inizia come un accumulo di placca e tartaro sul dente. Con il tempo, man mano la placca si diffonde al di sotto del margine gengivale, e ciò porta ad infiammazione, infezione e anche ad un’eventuale perdita del dente nel gatto.

Iniziare precocemente un regime di cure dentali a casa può fare una grande differenza nella vita del vostro gatto, in modo tale da mantenere la quantità di placca e tartaro più bassa.

Stomatite

La stomatite felina è una condizione estremamente dolorosa causata da una grave infiammazione o ulcerazione dei tessuti che rivestono il cavo orale, le gengive, la guancia, la lingua, ecc..

Sebbene alcune razze come l’Himalayano e il Persiano possano essere predisposte a questa condizione, la stomatite può essere presente in tutte le razze di gatti e può iniziare prima che un felino raggiunga l’età di 1 anno.

I gatti che sviluppano la stomatite hanno la bocca estremamente arrossata e infiammata e si oppongono alla visita dei denti. Spesso hanno un appetito ridotto a causa del dolore causato dal mangiare e, nei casi più gravi, possono sviluppare malnutrizione.

Mentre i casi lievi possono rispondere alle cure mediche e alle cure domiciliari come lo spazzolamento dei denti, i migliori risultati si vedono con la pulizia chirurgica, la rimozione dei tessuti colpiti e l’estrazione dei denti con raggi X dentali per confermare la completa rimozione delle radici.

Anche se questo può sembrare estremo, molti gatti mostrano progressi sorprendenti e ritornano alle normali abitudini alimentari molto rapidamente dopo l’intervento chirurgico, anche se vengono estratti più denti.

Potrebbe interessarti anche: Stomatite nel gatto cause, sintomi e rimedi

Infezione

denti gatto
I gatti anziani perdono i denti: perché e cosa fare (foto Pixabay)

Le infezioni nel cavo orale del gatto possono verificarsi come reazioni secondarie a traumi, come:

  • Corpi estranei nella bocca
  • Immunosoppressione
  • Riassorbimento dei denti

Un’infezione generalizzata del tessuto gengivale provoca gonfiore e arrossamento, mentre un accumulo localizzato di infezione e pus può provocare un ascesso.

Gli ascessi delle radici dei denti causano dolore e gonfiore nella mandibola, che si diffonde rapidamente ai tessuti circostanti. Si può notare un gonfiore del viso o anche un occhio sporgente nel micio se l’infezione si estende all’area intorno alla cavità oculare. Si può anche notare che il gatto non mangia o mangia meno.

Il trattamento deve essere istituito non appena viene diagnosticato un ascesso. Questo comporta l’estrazione del dente infetto o l’esecuzione di un canale radicolare, e il trattamento dell’infezione con antibiotici e controllo del dolore.

Riassorbimento dei denti

Il riassorbimento dei denti felini è una condizione comune e non diagnosticata, che colpisce fino a tre quarti dei gatti di età superiore ai 5 anni. Il dente è costituito sia da materiale osseo, dentina e smalto, sia dai tessuti molli della radice del dente, che comprende i vasi sanguigni e i nervi.

Per ragioni ancora non completamente comprese, il corpo inizia a rompere la dentina, che allenta il dente e causa una dolorosa esposizione della radice. Poiché questa erosione inizia al di sotto del bordo gengivale, può essere impossibile determinare quali denti sono colpiti senza effettuare radiografie dentali.

I sintomi sono sottili, di solito questo problema è presente in un gatto che improvvisamente sviluppa una preferenza per il cibo morbido, o ingoia il suo cibo senza masticare.

Il riassorbimento dei denti può avvenire su un singolo dente o su più denti. Una volta diagnosticato, il dente interessato deve essere estratto. Questa condizione è molto dolorosa per il felino.

Cancro

Il cancro del cavo orale del gatto è il quarto tumore più comunemente diagnosticato nei gatti. I tumori possono verificarsi nelle gengive, nelle labbra, nella lingua, nella mascella o nel palato. I segni del cancro orale includono masse nella bocca, gonfiore del viso, lo sbavare del micio, la perdita di peso, la perdita improvvisa dei denti o l’alito cattivo.

La diagnosi precoce è la chiave per il successo del trattamento del cancro orale, che può essere molto difficile da gestire quando masse più grandi cominciano ad invadere l’osso.

Molte masse si trovano durante le pulizie di routine e gli esami orali, quando sono piccole si possono gestire più facilmente, il che è uno dei tanti motivi per cui la regolare cura preventiva è così importante.

Potrebbe interessarti anche: Sintomi di tumore nel gatto: 10 segnali a cui prestare attenzione

Fratture dei denti

Il gatto ha perso i denti
Buona estate! (Foto Pixabay)

I denti fratturati si vedono relativamente spesso nei felini. Le fratture più comuni che si notano sono sulle punte dei denti canini, spesso chiamate zanne, anche se sono comuni anche le fratture dei premolari. Nei gatti, il tessuto della polpa si estende quasi fino all’estremità del dente, il che significa che anche piccole fratture possono causare dolorose esposizioni radicolari.

La maggior parte delle fratture dei denti felini sono causate da traumi alla cavità orale, anche se condizioni come il riassorbimento dei denti possono anche indebolire i denti e predisporli alla rottura. Le fratture sopra il margine gengivale sono visibili ad occhio nudo, anche se alcune di esse possono estendersi al di sotto del margine gengivale. I denti fratturati possono anche apparire grigi.

Il trattamento dipende dalla gravità della frattura e dal dente coinvolto, e può comportare l’estrazione o i canali radicolari. È importante non ignorare i denti fratturati nel gatto, in quanto oltre ad essere molto dolorose, le fratture aperte possono portare ad ascessi, gonfiore del viso o infezioni sistemiche.

Marianna Durante