Home Gatti Salute dei Gatti Pemfigo foliaceo nel gatto: cause, sintomi e terapia della malattia

Pemfigo foliaceo nel gatto: cause, sintomi e terapia della malattia

Pemfigo foliaceo nel gatto, una patologia molto diffusa in questo animale. Vediamo di capire le cause scatenanti, i vari sintomi e qual è la terapia prevista.

Pemfigo foliaceo nel gatto
(Foto Unsplash)

La salute del proprio felino è ciò che più sta a cuore al suo proprietario, anche perché il compagno domestico è delicato e bisognoso di cure costanti. Non sempre si riesce a proteggerlo da possibili disturbi e malattie comuni, come il pemfigo foliaceo nel gatto, una condizione molto diffusa. Vediamo, insieme, come affrontarla nel modo corretto.

Pemfigo foliaceo nel gatto: cause e sintomi tipici

Si tratta di una malattia molto diffusa nella specie e che è di natura immunitaria. Vediamo, nello specifico, da cosa viene causata questa condizione e qual è la sua sintomatologia.

La patologia nel felino
(Foto Pexels)

Come tutti i compagni domestici, anche il felino ha una salute delicata che deve essere protetta il più possibile da tanti rischi.

Dall’alimentazione allo stile di vita, ai rischi nel mondo esterno a contatto con l’ambiente ed altri animali, il micio può essere colpito da vari problemi o disturbi.

Parlando di malattie più comuni, ce n’è una molto diffusa in lui ed è il pemfigo foliaceo. Consiste in una patologia cutanea autoimmune, che produce autoanticorpi tra le cellule epiteliali.

Questa malattia può colpire qualsiasi esemplare, maschio o femmina, e di qualunque razza. Può insorgere in qualsiasi età nel felino, a differenza dei cani (verso i 4 anni di vita).

Gli anticorpi che vengono prodotti nel peloso provocano un distacco tra le cellule dell’epidermide, ovvero acantolisi, ed una conseguente formazione di neutrofili, leucociti e cheratinociti.

Il pemfigo foliaceo nel gatto può dare origine a lesioni localizzate in alcuni punti importanti del corpo, cioè la testa, capezzoli, cuscinetti plantari e genitali, più raramente su mucose.

Possono manifestarsi dei sintomi tipici nel micio, che sono:

Potrebbe interessarti anche: Malattie da accumulo lisosomiale nel gatto: cause, sintomi e cura

Il felino e la patologia: diagnosi e terapia

Per quanto i sintomi possano far pensare a malattie più lievi, è sempre importante rivolgersi al proprio veterinario e sottoporre il felino ad esami specifici per avere una diagnosi corretta. Leggiamo di quali si tratta e qual è la terapia prevista.

Peloso è molto stanco
(Foto Pixabay)

Nel caso si notino vari sintomi presenti nel proprio micio domestico, in particolare prurito intenso e febbre alta, si raccomanda di recarsi subito dal suo medico di fiducia.

La diagnosi prevede una biopsia e l’esame istologico. Inoltre, il veterinario richiederà la coltura micotica, l’esame citologico delle lesioni, test virali e raschiati.

Il gatto verrà sottoposto a questi esami per escludere alcune malattie, ovvero le allergie, la micosi, la rogna notoedrica nel gatto, malattie cutanee virali.

Una corretta diagnosi è lo strumento indispensabile per capire la natura del suo male e sapere che è questa la malattia presente.

Una malattia da cui non si può guarire

Considerando che parliamo di una patologia autoimmune, il pemfigo foliaceo nel gatto è anche immunosoppressivo e, dunque, da questo non si può guarire, dura tutta la vita.

Nonostante ciò, si dovranno tenere sotto controllo i sintomi tramite il farmaco, ovvero i cortisonici.

Ma esistono anche altri farmaci, cioè ciclosporina e clorambucile, i quali possono provocare degli effetti collaterali nell’animale.

In caso di sovrinfezione batterica, invece, è previsto l’uso di antibiotici. Non sempre è possibile guarire micio da una malattia, ma si può fare di tutto quanto in nostro potere per farlo andare avanti in modo dignitoso.