Home Gatti Salute dei Gatti Il gatto è depresso? Riconoscere i segni della depressione nel gatto

Il gatto è depresso? Riconoscere i segni della depressione nel gatto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:02
CONDIVIDI

Anche i gatti possono soffrire di depressione. Come riconoscere i segni di depressione nel gatto, e cosa fare per risolvere questo grave problema.

depressione nel gatto
Come riconoscere e gestire la depressione nel gatto. (Foto Flickr)

Sebbene la depressione e le malattie mentali in generale siano considerate problemi unicamente umani, anche altri animali, inclusi i gatti, possono soffrire di questo disturbo. Il cervello di uomini e gatti è infatti notevolmente simile, in particolare la parte del cervello che controlla le emozioni. I modelli di pensiero di questi pelosetti sono molto simili a quelli umani, in parte a causa della somiglianza nei neurotrasmettitori in entrambe le specie. Per questo motivo, i gatti possono soffrire di molte delle stesse malattie mentali degli umani. È importante in quanto padroni che comprendiamo i segni ed i sintomi della depressione nei mici, in modo che possiamo ottenere l’aiuto necessario per i nostri amici felini.

I possibili sintomi della depressione nel gatto

collasso nel gatto
Quali sono i sintomi della depressione nel gatto? (Foto Pixabay)

1. Cambi nell’appetito e letargia

I gatti sono estremamente motivati ​​dal cibo e di solito sono entusiasti dei pasti. Come per gli umani, i gatti depressi possono diventare poco interessati al cibo (o totalmente disinteressati). Potremmo notare che non vengono quando li chiamiamo a cena, o che la loro ciotola rimane piena se lasciamo che gestisca i pasti in autonomia. Il nostro gatto potrebbe iniziare a perdere peso se non mangia. Se notiamo che il nostro micio non sta mangiando o sta perdendo peso, fissiamo un appuntamento dal veterinario. In ogni caso, la depressione è solo una delle possibili cause di perdita di appetito o perdita di peso nei gatti.

D’altro canto, alcuni gatti possono iniziare a mangiare troppo a causa della depressione. Questo sintomo è più raro rispetto alla perdita di appetito, ma succede in alcuni casi. Se il nostro pelosino inizia improvvisamente a comportarsi come se avesse fame più spesso o chiede più frequentemente cibo, o se notiamo che sta improvvisamente mangiando troppo, potrebbe essere un segno di depressione nel gatto. Potremmo notare che il micio inizia a ingrassare, soprattutto se improvvisamente diventa meno energico oltre a voler mangiare di più. Ancora una volta, discutiamo questi sintomi con il veterinario per escludere tutte le possibili cause di questi cambiamenti nel comportamento.

Sebbene sia normale che i gatti dormano fino a 16 ore al giorno, un’improvvisa riduzione di energia o un sonno maggiore potrebbero essere indicativi di depressione nel nostro amico felino. Se il gatto improvvisamente inizia a dormire durante le ore del giorno in cui è normalmente sveglio e giocoso, potrebbe soffrire di depressione. Anche se alcuni gatti sono più pigri degli altri, facciamo attenzione se il micio diventa più pigro del solito, e se inizia a dormire più spesso durante il giorno. Come per gli umani, la depressione può far dormire troppo i gatti.

2. Perdita di pelo e scarsa igiene

Gatto di profilo
Se il gatto presta meno attenzione alla sua igiene, potrebbe essere un sintomo. (Foto Pixabay)

I mici possono curare la proprio igiene in maniera eccessiva a causa dell’ansia, che è spesso correlata alla depressione nel gatto. Anche se è normale che i gatti si lecchino spesso, può essere motivo di allarme se notiamo che il nostro micio si sta leccando più del solito. Se così fosse, potremmo notare piccole zone calve, irritazione della pelle e persino eruzioni cutanee in cui hanno leccato via la pelliccia.

I gatti depressi possono anche smettere di pulirsi, o possono anche pulirsi in modo meno efficace. Potremmo notare che il pelo del nostro micio è diventato opaco se smette di leccarsi. Il pelo può anche diventare oleoso, sviluppare forfora o annodarsi. I gatti che normalmente si mantengono puliti dopo aver usato la lettiera possono iniziare ad avere il retro sporco. Se il nostro gatto smette improvvisamente di pulirsi, e non ha limiti fisici che potrebbero causarlo, potrebbe essere depresso.

Lo stress può innescare problemi con la lettiera nei gatti, e lo stress è stato collegato alla depressione. I gatti spesso spruzzano fuori dalla loro lettiera per contrassegnare il loro territorio. Se uno dei nostri gatti inizia improvvisamente ad avere questo comportamento, potrebbe essere il risultato della tensione tra loro e altri animali domestici in famiglia. Questa tensione tra animali può portare a stress, ansia e depressione nel gatto. 

È importante gestire le controversie territoriali tra i gatti prima che causino problemi di salute mentale. I gatti possono anche smettere di usare la lettiera quando soffrono di depressione. E se il mancato utilizzo della lettiera di solito è dovuto al fatto che la lettiera è troppo piccola, un cambiamento nel tipo di sabbia o se la lettiera non viene pulita a sufficienza, può anche essere il risultato di depressione se non abbiamo apportato modifiche alla lettiera e la continuiamo a pulire regolarmente.

3. Comportamento antisociale o aggressivo

Gengive secche nei gatti
Un gatto aggressivo. (Foto Pixabay)

Alcuni gatti si nascondono più di altri, ma se il nostro micio normalmente sociale inizia improvvisamente a nascondersi, potrebbe essere motivo di allarme. Un gatto depresso può iniziare a nascondersi in modo che sia difficile trovarlo, per evitare di avere a che fare con umani o altri animali domestici. Se il nostro amichetto peloso di solito si diverte a passare del tempo con noi in salotto, ma all’improvviso inizia ad essere poco o non presente e disponibile, potrebbe soffrire di depressione.

I gatti sono diversi tra loro anche in quanto a timidezza e coccole: magari alcuni potrebbero non godersi le nostre coccole, a differenza di altri. Se il nostro micio finora coccolone e affettuoso diventa improvvisamente più distante, potremmo voler cercare altri segni di depressione nel gatto. Se al nostro gatto di solito piace essere accarezzato o seduto in grembo, ma ora si allontana da te o ti colpisce quando tenti di accarezzarli o sederti accanto a loro sul divano, potresti voler portarli dal loro veterinario per essere valutato per la depressione.

Se il nostro pelosetto normalmente silenzioso inizia improvvisamente a miagolare o a emettere altri suoni più del solito, potrebbe soffrire di depressione. I gatti depressi spesso piangono, urlano o sibilano in risposta a lievi stimoli. Possono anche fare versi in orari casuali durante il giorno: il nostro micetto potrebbe miagolare o fare altri rumori nel tentativo di comunicare che c’è qualcosa di sbagliato. Se invece il nostro gatto è di solito loquace, non dobbiamo preoccuparci se miagola eccessivamente, specialmente se sta emettendo suoni dal tono felice.

Un gatto depresso può anche diventare più aggressivo del solito. Anche i gatti più dolci e adorabili possono iniziare ad agire in modo aggressivo, se soffrono di depressione. Non è raro che i gatti depressi desiderino stare da soli, per cui inizieranno a mordere, sibilare o ringhiare contro chiunque osi invadere il loro spazio personale. Se il nostro micio mostra questo tipo di comportamento, è importante portarlo da un veterinario, che può capire se l’improvviso cambio di comportamento del nostro amichetto peloso è il risultato di depressione o di altre condizioni mediche.

Come intervenire

Tenere occupato il micio
Il gatto che mostra sintomi di depressione va visitato da un professionista. (Foto Unsplash)

Se pensiamo che il gatto possa soffrire di depressione, è importante portarlo da un veterinario: solo un professionista addestrato può diagnosticare correttamente le sue condizioni. E poiché è così difficile somministrare farmaci ai gatti, il veterinario probabilmente consiglierà approcci non farmaceutici, usando gli antidepressivi come ultima risorsa.

Se ci sembra di notare segni di depressione nel gatto, dovremmo assicurarci di fornirgli sufficiente attenzione e stimolazione mentale. Assicuriamoci di giocare con lui/lei ogni giorno e di dare molte attenzioni. Se restiamo fuori casa per lunghi periodi di tempo, assicuriamoci che il nostro micio abbia un qualche tipo di intrattenimento. Questo potrebbe essere creato con le tende lasciate aperte, in modo che il nostro amichetto peloso possa guardare fuori le mangiatoie per uccelli, dei programmi in DVD appositamente pensati con uccelli e altri animali che i gatti trovano interessanti, o giocattoli per gatti stimolanti mentalmente, come dei rompicapi che danno dei premi (in cibo, ovviamente) quando il micio riesce a risolverli.

Anche i feromoni sintetici possono avere un effetto calmante sui gatti. Se il nostro gatto è depresso o stressato, il veterinario può consigliare di usare questi prodotti, in spray o con un diffusore. Alcuni veterinari possono anche raccomandare la terapia della luce per i gatti. Esistono luci UV appositamente progettate per aiutare a ridurre i sintomi della depressione invernale nei gatti. Chiediamo dettagli al nostro veterinario, e se ritiene che questo approccio sia adatto al nostro micio.

Se altri approcci non funzionano, il veterinario può prescrivere un antidepressivo per il nostro gatto. I veterinari di solito raccomandano un SSRI, come la fluoxetina (Prozac) per i gatti, perché questo particolare farmaco antidepressivo è generalmente ben tollerato nella maggior parte delle specie animali, tra cui gatti, cani e umani. Se al nostro micio viene prescritto un antidepressivo, assicuriamoci di monitorarlo per eventuali effetti collaterali.

Potrebbe interessarti anche:

Fabrizio Burriello