Home Curiosita Cuccia da esterno: tutto quello che dovete sapere sulla casetta per il...

Cuccia da esterno: tutto quello che dovete sapere sulla casetta per il cane

Ha l’aspetto di una casa in miniatura, tutta per Fido. Ma quali sono le caratteristiche che deve possedere e gli eventuali vantaggi di una cuccia da esterno per il cane? Scopriamolo insieme

cuccia da esterno cane
Cuccia da esterno (Foto Pixabay)

Nota anche come “cuccia da esterno”, questo tipo di cuccia per cani ha la forma di una vera e propria casetta in miniatura e può essere posta in giardino e in terrazzo. Ma quali sono i motivi per sceglierla e gli eventuali benefici per i nostri amici a quattro zampe?

Le opinioni su questa “sistemazione” per gli animali sono contrastanti. Molte persone non associano questo tipo di cuccia ad un ambiente “proprio” del cane ma semplicemente come una sorta di protezione fatta di legno o plastica per proteggere il cucciolo dal freddo o dalla pioggia. Altri, ancora, associano questo tipo di cuccia ad una preferenza di alcune persone a non tenere il cucciolo in casa o, peggio, come una sorta di punizione.

Ora, bypassando per un attimo motivazioni particolari di chi non predilige avere sempre il cane in casa, vuoi perché vorrebbero evitare di avere troppi peli in casa o per esigenze dovute ad allergie o per chi sceglie di tenere fido come cane da guardia o per qualsiasi altro svariato motivo, in realtà non dobbiamo dimenticarci che è sempre preferibile lasciare, quanto più possibile il cane all’aria aperta.

I benefici della cuccia da esterno per il cane

cuccia da esterno cane
Cuccia da esterno con cane (Foto Pixabay)

La sua casetta esterna, se dotata di tutti i comfort e usata con giudizio, in realtà viene molto apprezzata dai nostri cari amici a quattro zampe e gli permette di beneficiare di tutta una serie di aspetti positivi.
Prima di tutto il cane lo riconosce come uno spazio tutto suo: un posto in cui può rifugiarsi, in cui si sente tranquillo e dove può controllare il suo mondo.

D’altro canto c’è un aspetto fondamentale da precisare: nella scelta di questo tipo di cuccia, il padrone deve prestare molta attenzione a tutti gli attributi che deve possedere e non deve mai, e ripeto mai, usarla come una sorta di punizione per il cane.

Attenzione alla temperatura

cuccia da esterno cane
Cuccia da esterno con cane (Foto Pixabay)

Tra gli aspetti fondamentali da tenere in considerazione ci sono le condizioni climatiche e la temperatura alle quali verrà esposto il nostro fido. Quando parlo di condizioni climatiche, non mi riferiamo solo al freddo, alla pioggia e al vento. Dovete considerare che anche le temperature molto alte e soprattutto l’esposizione diretta al sole sono altamente dannose e pericolose per il cucciolo.

La condizione ideale sarebbe mantenere la casetta ad una temperatura non troppo alta, né troppo bassa. Quindi prestate attenzione a dove posizionate la vostra cuccia da esterno, cercate una zona riparata, che fornisca ombra e un leggero venticello per dare sollievo al cane nei periodi caldi. Assicuratevi che la vostra casetta abbia, non solo una porta per l’ingresso del cane, ma anche una finestrella per poter garantire una migliore aerazione.

Inoltre, sarebbe opportuno che la casetta sia dotata di uno strato isolante al fine di mantenere la cuccia abbastanza calda d’inverno e sufficientemente fresca durante l’estate. Infine, è importante avere la possibilità di alzare leggermente la casetta dal terreno. Ciò è indispensabile  per evitare eventuali infiltrazioni d’acqua nel caso di forti temporali.

Dimensioni della cuccia da esterno

La dimensione della casetta è uno degli aspetti più importanti da valutare. La cuccia da esterno, infatti, non deve semplicemente “ospitare il “cane”, magari quando dorme, ma deve essere sufficientemente grande da permettergli di alzarsi, di girarsi all’interno di essa e potersi stendere in tutta la sua lunghezza.

Un altro aspetto da considerare è dove posizionare la sua ciotola d’acqua. Anche questa va posizionata all’ombra e anche all’interno della cuccia, in modo che all’occorrenza il cane possa dissetarsi ogni volta che ne ha necessità e dove vuole. Ovviamente, la cuccia da esterno deve essere abbastanza ampia da ospitare sia il cane che la sua ciotola.

Materiale della cuccia da esterno

cuccia
Cuccia da esterno (Foto Pixabay)

Un aspetto fondamentale da tener presente è anche la manutenzione della cuccia, non solo per garantire un posto accogliente e pulito al nostro fido, ma anche per evitare il pericolo di eventuali schegge. Infatti, se fatte di legno, queste casette potrebbero presentare delle schegge sia all’interno che all’esterno della struttura. Queste potrebbero venire a contatto con il cane e rischiare di ferirlo. Quindi è necessario prestare la massima attenzione e levigare il legno della casa ogni volta ce ne sia bisogno per tenere il nostro cucciolo al sicuro.

Ma se qualcuno di voi sta pensando che forse i materiali in plastica siano una soluzione migliore, mi dispiace ma siete in errore. Le casette realizzate in plastica infatti non sono sempre la scelta giusta da fare perché tendono a scaldarsi e questa, come visto in precedenza, è una cosa da evitare. Quindi, sarebbe preferibile optare per una casetta realizzata in legno a patto che, come abbiamo precisato, sia sempre ben curata e soprattutto levigata.

Ricapitolando, la scelta dei materiali è un aspetto fondamentale nell’acquisto di una cuccia. Ma non solo, non sottovalutate la scelta dei colori. La scelta dei colori è un altro elemento chiave poiché non è legata ad un mero aspetto estetico. Infatti, dovete tenere presente che se la cuccia che volete acquistare presenta delle tonalità eccessivamente scure, queste tenderanno ad attirare la luce del sole durante li periodi caldi, e come abbiamo detto precedentemente, il sole è alquanto nocivo per il nostro amico a quattro zampe.

Ovviamente, tutte queste avvertenze non hanno il fine di scoraggiarvi al suo acquisto, ma solo di fornirvi tutte le informazioni utili e necessarie per regalare al vostro cucciolo un ambiente sicuro e confortevole, su misura per lui.

Potrebbe interessarti anche:

M. L.