Home Gatti Salute dei Gatti Sindrome da iperviscosità nel gatto: causa, sintomi e trattamento

Sindrome da iperviscosità nel gatto: causa, sintomi e trattamento

La sindrome da iperviscosità nel gatto una condizione patologica che riguarda il flusso sanguigno. Conosciamo le cause, i sintomi e la cura.

gatto anziano
(Foto AdobeStock)

La sindrome di iperviscosità nel gatto è un quadro clinico caratterizzato dal rallentamento del flusso sanguigno attraverso i vasi.

I soggetti maggiormente colpiti sono i gatti anziani ma generalmente non c’è predisposizione di genere o razza, nello stesso gatto si tratta di una condizione piuttosto rara.

Cause della sindrome da iperviscosità nel gatto

L’iperviscosità è dovuta generalmente da una concentrazione considerevolmente alta di proteine ​​​​del plasma sanguigno.

gatto malato e anziano
(Foto AdobeStock)

Tuttavia può anche manifestarsi (raramente) a causa di un numero notevolmente elevato di globuli rossi.

Le cause principali quindi possono essere:

  • Infiammazione atipica cronica con gammapatia monoclonale (in cui è stata rilevata una proteina anormale nel sangue);
  • Leucemia linfocitica o linfoma;
  • Mieloma multiplo e tumori plasmacellulari;
  • Policitemia marcata (un aumento netto del numero totale di cellule del sangue);
  • Malattia autoimmune cronica (lupus sistemico, artrite reumatoide);

Sintomi

La sindrome di iperviscosità nel gatto comporta la comparsa di sintomi che a volte non sono segnali coerenti e precisi da poter individuare la patologia.

Questi di seguito sono i sintomi che si possono manifestare nell’animale che soffre di questa particolare condizione:

  • battito cardiaco accelerato;
  • cecità;
  • convulsioni;
  • depressione;
  • disorientamento;
  • instabilità;
  • insufficienza cardiaca congestizia (causato del sovraccarico di volume);
  • letargia;
  • minzione eccessiva;
  • perdita di appetito nel gatto;
  • respirazione rapida;
  • sangue dal naso;
  • sete eccessiva;
  • tendenze al sanguinamento;
  • deficit visivi;
  • emorragia o distacco retinico;
  • gonfiore ottico.

Potrebbe interessarti anche: Trasfusione di sangue al gatto: in che consiste, quando è necessaria e tutti i rischi

Diagnosi e trattamento della sindrome da iperviscosità nel gatto

Per poter definire una diagnosi, il veterinario dovrà conoscere il momento in cui si sono manifestati i sintomi, la storia pregressa della salute dell’animale ed eventuali incidenti che si sono verificati.

Si tratta in ogni caso di una valutazione non semplice in quanto l’iperviscosità è una sindrome, non una diagnosi definitiva.

Il veterinario quindi procederà con l’esecuzione di:

  • un esame fisico approfondito sul gatto;
  • un profilo ematico completo;
  • un profilo ematico chimico;
  • un esame emocromocitometrico completo;
  • il conteggio totale delle proteine ​​plasmatiche, l’evidenza di disturbi del sangue;
  • un’analisi delle urine del gatto

Una volta ottenuti i risultati dal laboratorio e stabilita la diagnosi di sindrome da iperviscosità nel gatto, il medico potrà stabilire una terapia adeguata che verrà eseguita in regime di ricovero.

Ciò che il veterinario dovrà trattare, prima di ogni cosa, è la malattia principale, ovvero un trattamento volto a risolvere i sintomi causati dal cancro o da una condizione infiammatoria.

Terminata la fase del ricovero e ristabiliti i valori, il gatto potrà tornare a casa ed essere però seguito attentamente.

Il follow up dovrà prevedere esami del sangue, le analisi delle urine di volta in volta e il monitoraggio del siero o le proteine ​​plasmatiche del gatto per valutare l’efficacia del trattamento.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Raffaella Lauretta