Home News Rapiti in Ucraina dai soldati russi: innocenti utilizzati nella guerra – VIDEO

Rapiti in Ucraina dai soldati russi: innocenti utilizzati nella guerra – VIDEO

Girano sul web numerosi video in cui i soldati russi in Ucraina si appropriano illegalmente di animali per poterli trasferire nei loro zoo.

ucraina soldati russi
Soldati russi mentre caricano nelle camionette gli animali rubati dalle strutture in Ucraina (Screenshot video Youtube –
Крым & Мир с Олегом Зубковым иТатьяной Алексагиной)

Continua ormai da quasi un anno la guerra tra Russia e Ucraina iniziata con l’invasione russa del 24 febbraio del 2022. Oltre alle migliaia di persone coinvolte, a fare le spese di questo terribile conflitto sono anche dei poveri e indifesi animali. Girano da qualche giorno sul web dei video in cui è possibile vedere soldati russi mentre si intrufolano negli zoo dell’Ucraina per poter rapire diverse specie di animali. Tra questi, procioni, lupi, asini e altre specie ancora. I soldati russi la chiamano un’azione umanitaria, ma questi animali vengono semplicemente prelevati con la forza e trasferiti negli zoo della Russia e poter così lucrare su di loro.

Soldati rubano diversi animali dagli zoo ucraini per portarli in Russia

ucraina soldati russi
Uno dei soldati mentre afferra violentemente per la coda un procione(Screenshot video Youtube –
Крым & Мир с Олегом Зубковым иТатьяной Алексагиной)

Sembra che purtroppo ancora non si riesca a vedere la fine del conflitto tra Russia e Ucraina. Tra bombardamenti quasi quotidiani e razzie, purtroppo sembra che neanche gli animali possano stare tranquilli. Oltre ai numerosi animali domestici che proprio a causa dei bombardamenti hanno perso le loro case, le famiglie e persino la vita, anche quelli ospitati in alcuni zoo sono diventate delle prede per i soldati russi. Questa volta però sono presenti dei video pubblicati dagli stessi russi in cui è possibile vedere dei soldati in azione per rapire diverse specie di animali.

Ti potrebbe interessare anche >>> Cani salvati dalla guerra arrivati a Roma cercano una nuova casa

Procioni, asini, fagiani, pavoni, lama e lupi. Questo il “bottino” che i soldati russi sono riusciti a rubare da uno Zoo privato in Crimea. I russi chiamano questa operazione una “missione umanitaria” ma tutto sembra tranne che questo. I poveri animali infatti vengono prelevati con la forza dalle gabbie in cui vivevano ormai da tempo e caricati in camion che li trasporterà fuori dal confine per poi essere portati negli zoo della Russia. Questi esemplari, quindi, serviranno semplicemente a riempire ancora di più le tasche dei proprietari delle strutture e non di certo per essere salvati.

Ti potrebbe interessare anche >>> Guerra Ucraina: Putin decide di schierare i delfini “soldato”

Oleg Zubkov, proprietario del parco safari Taigan Lion Park, ha dichiarato che gli animali sottratti non hanno alcun valore zoologico e che hanno così tanti procioni da poterne fare “carne in scatola”, una battuta davvero di cattivo gusto. Ma l’uomo non è il solo a “scherzare” riguardo questo caso. La blogger russa Anna Dolgaryova scrive che quando le chiedono come sia la situazione e se ci sono buone notizie lei risponde “va tutto bene, un mio amico è persino riuscito a rubare un orsetto lavatore“. Come se stesse parlando di un pupazzo in un negozio di giocattoli.
Gli ucraini, ovviamente, di fronte a questi veri e propri rapimenti, rispondono che si riprenderanno ciò che è loro e che gli animali verranno riportati da dove sono stati prelevati. (G. M.)