Home News Attivisti sfondano un muro con un martello per salvare 10 cani (Video)

Attivisti sfondano un muro con un martello per salvare 10 cani (Video)

Gli attivisti dopo avere compreso la crudeltà che si stava consumando dietro quel muro hanno deciso di impugnare i loro martelli e di distruggerlo per portare in salvo 10 can prigionieri.

Attivisti sfondano un muro con un martello per salvare 10 cani (screen Video)
Attivisti sfondano un muro con un martello per salvare 10 cani (screen Video)

Mumbai, le grida terrificanti che provenivano da dietro quel muro hanno portato alcune persone a prendere i propri martelli e iniziare a rompere il muro dalla piccola fessura i cani più piccoli che erano detenuti dietro quelle mura sono stati visti dimenarsi e fuggire da una parte all’altra.

Immediatamente è stata presentato una denuncia contro 3 dei membri della società edilizia sita a Bolivali.

Potrebbe interessarti anche :Cane sepolto vivo aspetta che finiscano prima di piangere

Sfondano il muro con il martello  per salvargli la vita

Attivisti sfondano un muro con un martello per salvare 10 cani (screen Video)
Attivisti sfondano un muro con un martello per salvare 10 cani (screen Video)

Secondo quanto riverito da uno dei soccorritori noto nel paese per nutrire gli animali Poornima Shetty avrebbe infatti affermato : ” Sono dovuto uscire dal paese per un lavoro e sono tornato in tarda notte , quindi ho deciso di dare da mangiare ai cani il lunedì mattina.” Erano le 4 e nonostante avesse portato del cibo con se l’uomo non vedeva arrivare nessuno dei cani che solitamente nutriva, l’uomo ha infatti continuato il suo racconto asserendo “Potevo sentire i loro lamento e gli ululati dall’altra parte del muro appena costruito ma non vedevo nessuno di loro”

A quanto pare l’uomo ha chiesto informazioni agli abitanti ma nessuno era stato in grado di rispondere alle sue domande, così l’uomo estremamente preoccupato per gli animali ha contattato due animalisti Lata Kulkarni della Breathe Foundation e Sheetal Mhatre e insieme hanno deciso di abbattere il muro.

Armati di martelli hanno iniziato a battere e da quanto raccontato proprio dall’uomo appena i cani hanno sentito il forte rumore hanno iniziato a piangere l’uomo ha infatti affermato : ” quando abbiamo iniziato a rompere il muro con i martelli le grida dei cani sono diventate più forti.”

Aperto il varco le 3 perone  hanno notato 10 cani tra cui alcuni cuccioli intrappolati all’interno di un muro e dopo averli liberati si sono rivolti alle autorità denunciando tutto l’accaduto alla polizia di MHB Colony.

I tre soccorritori hanno sporto denuncia per crudeltà nei confronti degli animali contro il presidente della società edilizia e contro altri membri della stessa società.

Secondo quanto riportato dopo la pubblicazione del video il presidente ha affermato che parlare di crudeltà nei confronti degli animali e soprattutto accusarlo di aver intrappolato dietro al muro 10 poveri cani sarebbe un’esagerazione.

L’uomo infatti si sarebbe difeso asserendo che il muro di recente costruzione sarebbe stato costruito per proteggere gli animali dai cavi elettrici, e non per limitarli tanto da sostenere che i cani sarebbero potuti andare nel parcheggio del complesso residenziale tramite una sorta di corridoio, e che comunque nel muro avevano lo spazio necessario.

Un altra delle persone denunciate per crudeltà ha sostenuto di essere fuori città e di non aver assolutamente a che fare con la faccenda non essendo presente ma che comunque presenterà una contro denuncia per diffamazione.

Se bene gli interessati abbiano tentato in ogni modo di scagionarsi dalle accuse uno degli attivisti avrebbe affermato :
“Ero presente quando il muro è stato abbattuto per liberare i 10 cani, gli animali compresi i cuccioli non sarebbero potuti uscire ne saltare da nessuna parte per raggiungere il parcheggio.

Gli animali,  nonostante quello che possano o non possano dire gli accusati, erano intrappolati dietro il muro, ora sono stati liberati e le associazioni dei volontari che li hanno portati in salvo si occuperanno delle loro cure