Home News Cane aspetta ad un incrocio il ritorno dei proprietari per 4 anni...

Cane aspetta ad un incrocio il ritorno dei proprietari per 4 anni – VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:34
CONDIVIDI

Un fedele cagnolino ha atteso per ben quattro lunghi anni il ritorno dei suoi proprietari, fermo all’incrocio di una strada, senza mai allontanarsi

cane aspetta incrocio proprietari
Il cane che ha atteso ad un incrocio i proprietari per quattro anni (Screenshot Video)

Il Fido protagonista di questa storia è un emblema di fedeltà e amore smisurato nei confronti dei suoi padroni. Sentimenti che non conoscono incertezze o sconforto, e che non si lasciano scalfire neanche dal trascorrere inesorabile del tempo. Ma continuano ad essere alimentati dall’affetto e dalla speranza che il loro forte legame riesca a superare qualsiasi ostacolo.

E così il cane ha atteso all’incrocio di una strada il ritorno dei suoi proprietari per ben quattro anni, attirando l’attenzione dei passanti e suscitando la loro preoccupazione, dato il luogo potenzialmente pericoloso.

Potrebbe interessarti anche: Cane aspetta davanti alla porta di un condominio in cui non può entrare

Cane aspetta i padroni ad un incrocio per 4 anni: la sua storia fa il giro del mondo

cane incrocio quattro anni
Il cane che ha atteso ad un incrocio i proprietari per quattro anni (Screenshot Video)

Il nome di questo fedele cucciolone è Leo. Il cane tutti i giorni, per ben quattro lunghi anni ha atteso i suoi padroni, seduto sul ciglio della strada, nella speranza che tornassero a riprenderlo.

La vicenda accaduta in Thailandia, nella città di Khon Kaen è diventata virale quando un ragazzo, passando proprio per quella strada, ha notato l’animaletto.
All’inizio il passante ha supposto che il cane fosse stato abbandonato e stesse aspettando in quel luogo insidioso un ritorno che non sarebbe mai avvenuto.

Ma dopo un po’, una donna ha fatto la sua apparizione, portando del cibo al cagnolone. Il ragazzo, ormai incuriosito dalla vicenda e preoccupato per il Fido, ha chiesto alla giovane se ne fosse la proprietaria.

La donna, una residente del posto, gli ha raccontato che l’animale non era suo, ma che più di una volta aveva provato a portarlo con sé a casa, senza successo.
Solo in un caso è riuscita a farsi seguire fino alla sua abitazione, ma il cane è scappato, tornando alla “sua postazione”.

Di conseguenza la soccorritrice si è arresa di fronte all’ostinazione del quattro zampe e ogni giorno si recava all’incrocio in cui il Fido continuava ad attendere, portandogli del cibo.

Il ragazzo, meravigliato dalla dedizione del cagnolone e anche della donna, che gli aveva permesso di sopravvivere durante tutto questo tempo, ha riportato questa incredibile vicenda sui social.

In pochissimo tempo la storia di Leo e le sue foto sono diventate virali, riuscendo in un’impresa inaspettata. Una famiglia ha riconosciuto il cane come il proprio animale domestico e ha chiesto di riunirsi a lui.

I proprietari del Fido, il cui nome sarebbe BonBon, hanno raccontato di aver smarrito il cucciolo quattro anni fa, proprio nei pressi dell’incrocio in cui è stato notato l’animale.

La famiglia, di ritorno da una vacanza, aveva fatto una sosta in una stazione di servizio, e dopo un po’ che avevano ripreso il cammino si sono accorti dell’assenza del cane.
Dopo aver trascorso ore a cercarlo, senza esito positivo, i padroni hanno fatto ritorno a casa.

Durante l’incontro la famiglia e anche la reazione del cagnolino hanno confermato che si trattava proprio del loro BonBon. Ma quando i padroni, felici, hanno provato a far salire il cane in macchina per riportarlo a casa, il Fido ha avuto una reazione inattesa.

Bonbon (o Leo ) si è rifiutato di ripartire con i suoi proprietari. Dopo svariati tentativi senza successo, è intervenuta la donna che lo ha ristorato negli ultimi quattro anni e il Fido la ha seguita.

D’innanzi alla reazione del cane, la famiglia non ha potuto far altro che accettare la decisione del cucciolo di restare lì. Così la gioia di averlo ritrovato ha lasciato il posto al dolore di dover lasciar andare il quattro zampe, ma con l’impegno di tornare di tanto in tanto per rivederlo e abbracciarlo.

M. L.