Home News Cane disperso: era caduto nel fiume, salvataggio in extremis

Cane disperso: era caduto nel fiume, salvataggio in extremis

CONDIVIDI
cane disperso
Ginger, il cane disperso (screenshot video)

Ginger è il cane di una donna a cui è molto legato, disperso durante la sua assenza: era caduto nel fiume, un video documenta il salvataggio in extremis.

Un cane che era scomparso da diversi giorni ha ululato al momento giusto mercoledì mattina. Ma i soccorritori ci dicono che è stato davvero un salvataggio miracoloso. Il suo nome è Ginger. È una randagia adottata 12 anni fa da Brenda Osborne, che vive nell’area di Ulisse della contea di Lawrence vicino al confine della contea di Martin. Lei e suo marito hanno dato a Ginger e agli altri tre cani il necessario da mangiare e bene venerdì mattina prima di partire fuori città per il fine settimana. Quando sono tornati domenica notte, si sono resi conto che era sparita. Ma è stato solo lunedì mattina, quando ancora mancava, che si sono preoccupati.

Leggi anche –> Lucca: cane cade nel fiume, un passante si lancia e lo salva

Il salvataggio di Ginger

Hanno fatto tutto il possibile, chiamando i vicini e andando su e giù per la Levisa Fork vicino a casa loro. Tra i cercatori c’era il vicino di casa di Osborne e il fratello Darrell Perkins. “È il cane del vicinato, tutti la amano”, ha detto Perkins. Ma non hanno sentito nulla. In effetti, pensavano che fosse stata presa da uno sconosciuto o che fosse andata via da qualche parte e fosse morta. Insomma, da momento che della cagnetta non si avevano notizie, si pensava di non poterla più ritrovare.

Invece, mercoledì mattina la svolta. Perkins sentì ululare giù dal fiume nel momento esatto in cui saliva sul suo camion. Seguì il verso finché non trovò Ginger. La cagnetta stava bene ma il soccorritore non aveva idea di come la potesse tirare fuori dal fiume. Si è rivolto così all’accalappiacani della zona, Johnny Rickman, che ha usato le giuste imbracature.

Ginger ora in cura dal veterinario

La proprietaria di Ginger ha detto che non poteva crederci quando ha ricevuto la chiamata da suo fratello. La Osborne ha adottato Ginger quando era un cucciolo randagio nel 2006 e aveva solo pochi mesi. L’accalappiacani ha raccontato i momenti del salvataggio: “Non pensavo, ho solo messo l’imbracatura e sono andato a prenderla”. La vicenda è stata raccontata e documentata con un video su un portale di informazione locale. Nessuno sa come sia arrivata lì Ginger. Probabilmente è caduta dalla banchina e si è ferita. Ora è stata presa in cura dal veterinario, ma dovrebbe farcela: ancora è troppo debole sia per fare un bagno che per una radiografia.

GM