Home News Cane malnutrito e pieno di zecche: salvato dalle autorità locali

Cane malnutrito e pieno di zecche: salvato dalle autorità locali

Il cane è stato trovato in brutta condizione, malnutrito e pieno di zecche che vagava per le strade, è stato salvato dalle autorità locali.

cane pieno di zecche
Cane malnutrito (Facebook – Spaddes – Sociedade Protetora dos Animais)

Un cane vittima di maltrattamenti è stato salvato mercoledì scorso durante l’esecuzione di un mandato di perquisizione e sequestro della Polizia civile nella città di Oriente (San Paolo, Brasile). Secondo le informazioni della ONG Spaddes, molte denunce anonime sono state fatte al tutore poiché il cane non riceveva né assistenza veterinaria né le cure adatte. Così è stato emesso un mandato di perquisizione.

Cane maltrattato e in cattive condizioni, portato in salvo dalla polizia

cane salvato da poliza
Cane in cerca di salvezza ((Facebook – Spaddes – Sociedade Protetora dos Animais)

In un primo momento, l’ONG ha anche cercato di rintracciare il tutore dell’animale, senza riuscirci. Per riuscire a portare in salvo il pover animale, era necessario che un medico veterinario preparasse il rapporto di maltrattamento. Dopo questo quindi, il rapporto è stato registrato nella Centrale di Polizia Giudiziaria, essendo ancora necessario che l’avvocato della ONG entrasse con la richiesta di perquisizione e arresto nella Giustizia. Dopo aver presentato la richiesta, il giudice ha autorizzato il salvataggio dell’animale.

Ti potrebbe interessare anche >>> Mika: il cucciolo di cane gettato via, tutti in cerca del colpevole

Il cane, di circa tre anni, è stato trovato all’interno di un’abitazione nel quartiere Novo Oriente, nella città di Oriente, e le sue condizioni di salute erano piuttosto gravi. “Anche dopo il salvataggio, rischia la morte da un momento all’altro, a causa dello stato in cui si trovava: cachettico, malnutrito, senza cibo, infestato da zecche e con la scabbia su tutto il corpo“, ha affermato il direttore della ONG. Sebbene il tutore dell’animale non sia stato trovato durante il salvataggio, la Polizia Civile lo ha già identificato e dovrà rispondere penalmente del reato di maltrattamento.

Ti potrebbe interessare anche >>> Donna si getta in soccorso del cane aggredito dall’alligatore (Video)

Questo reato prevede una pena da due a cinque anni di reclusione, una multa e il divieto di custodia, che può essere aumentata da 1/6 a 1/3 della pena se si verifica la morte dell’animale. Il cane è tutt’ora sotto le cure veterinarie ed è ospitato presso la ONG. Si spera che questo sia il primo passo per una vita più felice e serena per questo cane, poiché fino adesso ne ha passate tante. Una volta guarito, di certo troverà una nuova casa piena di amore.