Home News Cane nella spazzatura: la proprietaria ammette le sue colpe

Cane nella spazzatura: la proprietaria ammette le sue colpe

CONDIVIDI
Cane nella spazzatura
Cane nella spazzatura

Nei giorni scorsi, era stato messo in Rete un filmato scioccante di un uomo che apparentemente prende a calci sul muso il suo cane davanti a un negozio di Londra. Si tratta dell’ennesimo episodio di violenza contro gli animali che giunge dal Regno Unito e come ogni volta si apre il dibattito sui social, facendo riemergere vicende ancora più terribili. Come quella avvenuta nel centro di Dundee, in Scozia, qualche mese fa. Qui infatti una donna ha ammesso di aver trascurato il suo cane e di averlo lasciato morire in un bidone dell’immondizia. Heather Stott, 58 anni, ha ammesso di non aver badato al cane, chiamato Dougal, un incrocio con un pointer risultato malnutrito.

Il cane era ancora vivo nella spazzatura

Era ancora vivo ma era gravemente malnutrito e incapace di alzarsi sulle zampe quando è stato rinvenuto tra l’immondizia. Un passante ha chiamato la SPCA scozzese e il cane è stato così portato da un veterinario. Al povero Dougal, però, è stata praticata l’eutanasia. John Carle, ispettore capo dello SPCA scozzese, ha detto che un ispettore locale ha dovuto arrampicarsi nel bidone di metallo per salvare l’animale. Ha detto: “Pensiamo che sia possibile che sia stato messo nel cestino in tarda serata di giovedì o nelle prime ore del venerdì mattina quando era buio. Indossava un colletto di nylon nero e aveva una borsa nera avvolta intorno al corpo dalla vita in giù, ma non sappiamo se fosse completamente dentro la borsa quando è stato scaricato”.

“Il cane aveva un’età compresa tra 10 e 12 anni, quindi dobbiamo considerare che potrebbe essere stato abbandonato a causa della sua età, il che è incredibilmente crudele”, ha aggiunto l’ispettore della SPCA. La donna, 58 anni, di Dundee, si è dichiarata colpevole rispetto a due capi di imputazione ai sensi della legge sulla salute e il benessere degli animali. Ora rischia una condanna a dodici mesi. Ha spiegato che ha abbandonato il cane perché non riusciva di fatto a curarlo. Ha anche ammesso di averlo abbandonato in un bidone dei rifiuti industriali senza che potesse avere accesso alla nutrizione e all’acqua e senza mezzi di fuga. Il cane, ha affermato la donna, soffriva di deperimento, disidratazione e malattie dentali.

GM