Home News Cane rubato, i ladri hanno svaligiato casa portando via anche l’animaletto –...

Cane rubato, i ladri hanno svaligiato casa portando via anche l’animaletto – FOTO

CONDIVIDI
cane rubato
Il cane rubato: è una femmina, incrocio tra bassotto e Jack Russell di nome Mia

Cane rubato dopo la visita dei ladri: la famiglia della tenera Mia non riesce a darsi pace: “Ridatecela, era tutta la nostra vita”. Ma finora ogni appello è risultato vano.

Una brutta notizia ha sconvolto la tranquillità e la felicità di una famiglia piemontese. Infatti alcuni ladri hanno svaligiato il loro appartamento, ma tra le cose sottratte risulta esserci anche la loro cagnetta. Ed ora Grazia, la proprietaria di Mia (questo il nome dell’animaletto indebitamente portato via) rivolge un appello tramite il sito lasentinella.gelocal.it. La vicenda si è verificata a Perosa Canavese, in provincia di Torino. Il tutto ha avuto luogo poco più di un mese fa, il 26 aprile 2018. Sia la signora Grazia che il marito si erano recati normalmente al lavoro come avvenuto molte altre volte. In casa non c’era nessuno, con la loro figlia che era andata a scuola. Mia era rimasta da sola. I ladri sono entrati sottraendo del denaro in contante oltre ad altri preziosi di famiglia e materiale di valore. Ma non contenti, i topi di appartamento hanno preso anche Mia. E pensare che, in base a quanto raccontato da grazia, il cane rubato era entrato da poco nelle loro vite. Ma già era riuscita a conquistare tutti.

Cane rubato, i ladri non hanno avuto pietà

Mia ha compiuto 4 mesi il 20 marzo scorso, si tratta di un incrocio tra un Jack Russell ed un bassotto. E come la legge impone, è stata regolarmente dotata di microchip di riconoscimento. Inoltre è anche stata sottoposta a regolari vaccinazioni e controllo veterinario. La sua famiglia ha inoltrato diversi appelli e si augura che in qualche modo, qualcuno possa restituire loro il cane rubato. A distanza di poco più di 30 giorni però non ci sono stati progressi. Purtroppo i furti di animali domestici spesse volte hanno come conseguenza la vendita all’estero degli animali coinvolti. Questo rende le eventuali indagini più difficili. La speranza è che però possa avvenire qualcosa, un miracolo, capace di riportare Mia a casa e di ridare il sorriso alla sua famiglia, comprensibilmente sconvolta da quanto successo.

A.P.