Home Cani Come segnalare un cane lasciato in balcone

Come segnalare un cane lasciato in balcone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:19
CONDIVIDI

Cani lasciati in balcone come intervenire

cane in balcone
Cane in balcone

Casi di maltrattamento e di negligenza sono all’ordine del giorno. Numerosi animali sono vittime d’incuria, disattenzioni e forse anche della poca esperienza dei proprietari, disinformati, irresponsabili oppure semplicemente superficiali nell’affrontare determinate situazioni o nel prendersi cura dell’animale. Trattandosi di esseri viventi sono tuttavia necessarie alcune accortezze e un po’ di buon senso per prendersi cura dell’animale.

Il fenomeno dei cani lasciati in balcone è attuale. Alcuni proprietari hanno l’abitudine di lasciare il cane in balcone quando si recano al lavoro oppure per andare in vacanza, incaricando una persona di fiducia a prendersi cura del cane. Tuttavia, l’animale deve essere messo in sicurezza e soprattutto deve aver garantito l’accesso in casa.

Di fronte a numerosi casi di cani morti dal caldo o che si sono lanciati dal balcone alcune associazioni hanno acceso i riflettori al riguardo.

Infatti, ad oggi non esiste una norma che vieti la detenzione del cane in balcone. Purtroppo, in base alle stagioni, questo comporta alcune accortezze senza le quali il cane viene esposto a diversi pericoli.

Pericoli cane in balcone

Sia d’inverno che d’estate i cani lasciati all’esterno sono in balia delle intemperie o delle temperature troppo elevate.
Potrebbero essere colpiti da ipotermia o colpi di calore e disidratazione se non vi è una copertura adatta grazie alla quale il cane può ripararsi dal sole o dal freddo.

Il cane rischia anche di saltare dalla ringhiera o di cadere sporgendosi tra le sbarre delle ringhiere. E’ sufficiente una distrazione, l’abbaio di un altro cane per strada, un uccello che svolazza e si posa sul cornicione per stimolare la sua curiosità un fuoco d’artificio o un rumore improvviso per esporlo a pericoli.
Se il cane viene lasciato molto tempo da solo, potrebbe anche cercare di scappare, lanciandosi nel vuoto.

Spazio adeguato per il cane in balcone

L’accesso al balcone necessita alcune accortezze con le quali garantire all’animale lo spazio adeguato che rispetti le sue esigenze, mettendolo in sicurezza e prevenendo qualsiasi rischio.

Se il cane deve passare molte ore in balcone è importante assicurare all’animale uno spazio adeguato, soprattutto se non ha accesso alla casa.

  • il balcone deve essere spazioso, almeno 7 mq, per poter garantire al cane un po’ di movimento
  • ciotola d’acqua e di cibo a disposizione
  • garantire una copertura o una cuccia dove il cane possa ripararsi dal caldo o dal freddo

Viene anche sempre consigliato di lasciare uno spiraglio aperto della porta finestra  in modo che il cane possa rientrare in casa quando lo desidera.

Mettere in sicurezza il cane sul balcone

  • Recintare ringhiera del balcone: Nel caso in cui vi siano delle ringhiere è consigliabile metterle in sicurezza, apponendo una rete o un pannello di recinzione, in modo che il cane non si sporga dal balcone;
  • Balcone con muretto: se il balcone è in muratura e non è molto alto, in questo caso è suggerito aggiungere una piccola recinzione sopra al muretto, rialzando l’altezza della balaustra sulla quale il cane potrebbe saltare.

Cane in balcone: maltrattamento

Quando all’animale non vengono garantite determinate condizioni che rispettano le sue necessità si possono accertare elementi di maltrattamento: nel caso in cui il cane non abbia coperture, non ha acqua a disposizione oppure non ha possibilità di entrare in casa.
Una volta accertati questi elementi è possibile segnalare il caso alle autorità competenti.

Segnalare un cane lasciato in balcone

E’ sempre sconsigliato intervenire di prima persona. Andare a bussare alla porta dei vicini, proprietari del cane, per invitarli a risolvere la situazione potrebbe in realtà peggiorare il caso. I proprietari del cane potrebbero essere infastiditi dall’invadenza oppure in casi estremi far sparire l’animale per non essere segnalati alle autorità.
Quello che so rivela invece utile è raccogliere una documentazione fotografica o filmati che testimoniano la presenza dell’animale sul balcone in condizioni di maltrattamento.

Il passo successivo sarà quello di segnalarlo alle autorità competenti: Polizia Municipale, ai Carabinieri, Polizia e Asl Veterinaria.
Al contempo, è sempre consigliato mettersi in contatto con un’associazione animalista sia locale che nazionale come Enpa, Lega Nazionale Difesa del Cane-Lndc, Earth, Noita oppure Oipa o le Guardie Zoofile in modo da trovare un supporto ed effettuare maggiori pressioni sulle autorità che spesso tendono a minimizzare oppure a non intervenire in quanto impegnate in altre urgenze.

C.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.