Home Cani Il cuore del cane sta nello stomaco: meglio il cibo alla carezza

Il cuore del cane sta nello stomaco: meglio il cibo alla carezza

CONDIVIDI

Il cane preferisce il cibo alle carezze. La ricompensa nell’addestramento è fondamentale

Alcuni esperti hanno voluto ribadire l’importanza della ricompensa nell’addestramento. Il tema è al centro di una nuova pubblicazione,  “Wag: The Science of Making Your Dog Happy” edito Greystone Books che uscirà nel 2020. L’autrice Zazie Todd ha voluto spiegare ai proprietari dei cani quanto sia fondamentale il bocconcino per i cani nell’addestramento.

“Se il tuo capo smettesse di darti lo stipendio, probabilmente non andresti più a lavorare. Anche il cane deve essere motivato”, dichiara la Todd.

Il metodo di addestramento fondato sulla ricompensa, secondo l’American Kennel Club è il migliore per ottenere un risultato con il cane.

La stessa Erica Feuerbacher, assistente professore presso il Dipartimento di Scienze degli animali presso la Virginia Tech, ha condotto uno studio al riguardo. La Feuerbacher ha paragonato il cibo alla carezza, concludendo che i cani risponderanno più velocemente nell’apprendimento per una ricompensa che non per una carezza.

Che sia una carezza, una lunga passeggiata o il gioco, al cane poco importa. Il cibo è l’elemento che incide maggiormente sul suo apprendimento.

Feuerbacher ha scoperto che i cani staranno vicino per la stessa durata di tempo indistintamente a una persona che li accarezza o che li ignora.

La ricompensa è il metodo migliore sia per l’addestramento che per essere amati dai cani.

Nel suo libro, la Todd ribadisce lo stesso concetto, sottolineando che qualsiasi addestratore di oggi utilizza il cibo come metodo per addestrare un cane.

Al contrario, la punizione non funziona e ha effetti collaterali.

“I rischi sono la paura, ansia e stress. Inoltre, la punizione fisica comporta il rischio di aggressività, perché il cane può reagire male alla punizione o alla minaccia”.

A partire da quel momento, aggiunge la Todd, i cani “ti associano a cose cattive e sono spaventati da te”, dice Feuerbacher.

Alcuni studi hanno anche dimostrato che un cane addestrato con metodi coercitivi guardano meno il padrone a differenza dei cani addestrati con il metodo del rinforzo positivo.

Il cibo è anche fondamentale per recuperare un cane impaurito. Il cane associa il cibo alla persona in modo positivo.

Ecco perché, conclude la Feuerbacher, “per rubare il cuore di un cane bisogna prenderlo per lo stomaco” oppure per la gola.

>> Il contatto visivo tra uomo e cane scatena l’ormone dell’amore!

>>I cani amano veramente i loro padroni: dopo l’ormone ossitocina arrivano i sentimenti

L’esperta ricorda che gli alimenti impiegati per l’addestramento devono essere parte del quantitativo quotidiano dell’alimentazione del cane e non un’aggiunta. E’ inoltre importante cambiare il gusto ovvero alternare il premio (formaggio o wurstel) perché i cani si stancano dello stesso sapore.

Infine, conclude l’esperta, può capitare che il cane sia troppo spaventato per mangiare. In tal caso, evitare l’addestramento quando l’animale è sopraffatto dal contesto che siano rumori o luoghi sconosciuti.

Leggi anche–>

Dall’addestratore all’educatore cinofilo passando per il rinforzo positivo
Memoria del cane: come funziona e come la utilizza
Educare il cane: 5 metodi per insegnargli i 5 comandi base

 

 

C.D.

Amoreaquattrozampeè stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI