Home News Erice, accudisce gatto randagio e viene minacciata

Erice, accudisce gatto randagio e viene minacciata

CONDIVIDI

Triste episodio quello accaduto ad Erice, in provincia di Trapani. Una donna stava accudendo un gatto randagio quando una coppia, che abitava proprio di fronte a dove il micio stava ricevendo le affettuose attenzioni, ha cominciato a chiedere con decisamente troppo poca gentilezza alla generosa benefattrice di piantarla e di non dare da mangiare al felino.

Non contenti i due, marito e moglie, hanno anche rincorso il gatto armati di bastoni, con l’intenzione di spaventarlo. Ed allo scopo di allontanarlo hanno anche cosparso il suolo pubblico antistante la loro abitazione con della candeggina e scagliato via il piatto con il cibo che la donna aveva portato al quattro zampe. Quest’ultima però non si è lasciata intimorire e ha scritto una lettera ad Enrico Rizzi, Presidente del Nucleo Operativo Italiano Tutela Animali (NOITA), allo scopo di ottenere sostengo e di rendere questa incredibile vicenda di dominio pubblico.

Lo stesso Rizzi ha fornito una pronta e positiva risposta, informando a sua volta la Questura di Trapani, oltre ai Carabinieri ed il corpo di Polizia Municipale di Erice. Viene chiesto con forza un provvedimento consono nei confronti del becero comportamento della coppia, e sembra che ci sia abbastanza per procedere con una denuncia per maltrattamento di animale.

A parlare della vicenda è lo stesso NOITA, il quale riferisce anche di aver fatto una ulteriore richiesta alle forze dell’ordine per verificare se eventualmente i due meschini colpevoli dei maltrattamenti riscontrati ai danni del povero micio possiedano anche delle armi in casa. quello del maltrattamento di animali, siano essi cani, gatti o di altre specie anche non comuni, è un tema sempre di attualità in Italia come nel mondo.

Nel nostro Paese in particolare gli esponenti di spicco delle varie associazioni animaliste chiedono da tempo che i provvedimenti nei confronti di coloro che si macchiano di comportamenti a danno degli animali vengano resi più severi. E pensare che altrove invece avviene davvero tutt’altro: non crederete a quanti cani provvede con tanto amore quest’uomo…