Home News Lo investe in autostrada e poi sparisce: ora rischia davvero grosso –...

Lo investe in autostrada e poi sparisce: ora rischia davvero grosso – FOTO

Un automobilista investe un cane in autostrada e non si cura nemmeno di chiamare i soccorsi. Per lui una sanzione che potrebbe costargli caro.

investe cane autostrada
Automobilista investe un cane in autostrada e non si ferma per prestargli soccorso o comunicare l’incidente (Foto generica Pixabay)

Certe disgrazie purtroppo possono accadere senza avere la possibilità di evitarle, ciò che però si potrebbe fare sarebbe non girarsi dall’altra parte e continuare a vivere come se nulla fosse accaduto. Nella mattina del 11 dicembre un automobilista investe un cane lungo l’autostrada, ma invece di fermarsi per soccorrerlo o chiamare per segnalare l’accaduto decide di continuare dritto per la sua strada. Altri automobilisti dietro di lui si accorgono però di ciò che è accaduto e chiamano immediatamente i soccorsi per comunicare l’accaduto e far sì che qualcuno possa intervenire.

Cane viene investito in autostrada e lasciato lì dal pirata: interviene la polizia

investe cane autostrada
Gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Pescara Nord mentre prestano un primo soccorso al cane investito in autostrada (Foto Facebook – Roberto Ritrovati)

Il passaggio di animali lungo strade a scorrimento veloce, superstrade e autostrade, sono un vero e proprio problema. Purtroppo è impossibile evitare che questi si avvicinino alla carreggiata e spesso è anche molto difficoltoso riuscire ad evitarli senza rischiare di provocare incidenti più gravi. Nel caso in cui però ci si dovesse trovare nella terribile situazione di averne accidentalmente investito uno, la cosa migliore da fare sarebbe quella di tentare di fermarsi in una piazzola e chiamare i soccorsi per avvisare dell’accaduto e provare così a salvare l’animale incidentato. Questo non è però ciò che è accaduto qualche giorno fa in autostrada.

Ti potrebbe interessare anche >>> “É solo un randagio”: tentano di fuggire dopo aver investito un cane

Nella mattina di domenica 11 dicembre un povero cane randagio è stato investito lungo l’autostrada A14. L’animale giaceva al lato della strada poco prima del del viadotto Vibrata nel tenimento del Comune di Alba Adriatica dopo che un automobilista lo aveva preso sotto con la sua auto e lasciato lì, in balia della sue ferite e senza avvisare nessuno di ciò che era appena accaduto.

🐾💖 SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER 🐶🐱

Per fortuna, altri automobilisti che si trovavano a percorrere la stessa strada si sono accorti del povero animale ferito e di altri cani che vagavano per la zona e hanno così deciso di contattare i soccorsi e segnalare il quattro zampe investito.
Appena ricevuta la segnalazione sono immediatamente intervenuti gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Pescara Nord che hanno constato la presenza di un meticcio ferito.

Ti potrebbe interessare anche >>> Cucciolo di cane investito in strada: non riceve aiuto dai passanti – FOTO

Gli agenti hanno così dato un primo soccorso all’animale coprendolo con una coperta termica e hanno poi contattato l’ASL di Teramo per richiedere la presenza sul posto dell’unità di pronto intervento veterinario e trasportare il cane presso l’ambulatorio e dargli così le cure di cui necessitava. Una volta trasportato in un luogo sicuro, i veterinari si sono accertati delle condizioni del cane, iniziato la cura delle ferite riportate a causa dell’incidente e verificato se il quattro zampe fosse in possesso di un microchip. Purtroppo il cucciolone sembra esserne sprovvisto e dunque non è possibile risalire al luogo di provenienza. Ora il cane è in cura e in attesa di potersi riprendere dall’incidente. Nel frattempo sono scattate le ricerche del pirata della strada che lo ha investito. Se questa persona dovesse essere rintracciata rischierebbe davvero grosso per aver omesso il soccorso necessario all’animale. Ad attenderlo ci sarebbe una sanzione che va dai 491 a 1691 euro secondo l’articolo 189, comma 9 del Codice della Strada. (G. M.)