Home News Le (dis)avventure di Mamma Rosa e suoi gattini: storia a lieto fine

Le (dis)avventure di Mamma Rosa e suoi gattini: storia a lieto fine

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:34
CONDIVIDI

Mamma Rosa è una gattina che insieme ai suoi due piccoli ha girovagato per le strade di Los Angeles senza una meta. La straordinaria storia. 

Gattini (foto Pixabay)
Gattini (foto Pixabay)

Impariamo molto dagli animali. Rispetto a noi uomini, i nostri amici a quattro zampe sono fedeli e amano l’altro in un modo che quasi mai riusciamo a capire.

Oggi, ad esempio, parleremo di mamma Rosa e i suoi cuccioli che hanno vagato in lungo e in largo senza alcuna meta. Senza un tetto sotto il quale trovare riparo e senza cibo, i nostri protagonisti hanno vagato per le strade caotiche di Los Angeles in cerca di aiuto.

Siete curiosi di conoscere la loro storia? Proseguite nella lettura e lasciatevi catturare dalle avventure di mamma rosa e i suoi cuccioli di gatto.

Potrebbe interessarti anche: Sadie, la cagnolina salvata da un corriere UPS

Le (dis)avventure di Mamma Rosa e suoi gattini: storia a lieto fine

Gattini (Foto Pixabay)
Gattini (Foto Pixabay)

Mamma Rosa, una gatta di razza american shorthair, vagò per giorni fra le strade di Los Angeles in cerca d’aiuto. Non era sola in questo vagare, insieme a lei c’erano i suoi due gattini che la seguirono ovunque.

La speranza è l’ultima a morire, e la Provvidenza ha voluto aiutare i nostri protagonisti inviando loro un giorno un uomo, un angelo agli occhi di mamma Rosa. Il salvatore trovò i tre gattini vicino un muretto e li salvò da quel luogo.

Chris Poole, questo il nome del salvatore, chiese aiuto ad un rifugio locale, il Wrenn Rescue che, in collaborazione con un’altra organizzazione, accolsero i tre gattini nella loro struttura.

Lo staff, oltre che a fornire ai gattini le cure di cui necessitavano e del cibo, decise di affibbiargli dei nomi. Così i due piccoli vennero chiamati coi nomi King e Dream.

Quest’ultimo stava poco bene. Quei giorni passati per le strade di Los Angeles, al freddo e senza cibo, hanno condizionato in negativo il suo stato di salute. Il piccolo Dream era la metà di suo fratello King. Perciò i giorni che seguirono il salvataggio furono giorni di tensione. Mentre King non si arrese mai e continuò la sua lotta, Dream si lasciò andare poco a poco.

Dopo due settimane di lotta, il piccolo Dream si spense; le sue condizioni erano troppo gravi fin e solamente un miracolo avrebbe potuto salvarlo.

Nonostante il dispiacere generale, l’evento però diede forza al resto della famiglia che lottò e uscì dalla fase critica in onore del piccolo fratellino venuto a mancare.

Dopo essersi rimessi del tutto, mamma Rosa e King trovarono una casa assieme. La bella notizia è che la stessa famiglia insistette per la doppia adozione.