Home News Perché amiamo più gli animali delle persone? Ecco spiegati tutti i motivi

Perché amiamo più gli animali delle persone? Ecco spiegati tutti i motivi

CONDIVIDI

Spesso si sente dire che amiamo gli animali più delle persone. In moltissimi casi questo è vero: ma come mai accade? Ecco spiegati tutti i motivi

amore per gli animali
Perchè amiamo gli animali più delle persone? (Foto Pixabay)

Gli animali, che passione… Sono sempre di più le persone che dichiarano senza alcun dubbio di amare gli animali più dei propri simili: spesso la nostra compassione è più forte e sincera verso un gatto o un cane abbandonati, piuttosto che verso una persona sfortunata, magari senza lavoro e senza un tetto sulla testa.

Il fatto che amiamo gli animali più delle persone sembra davvero strano: secondo una logica semplice e piuttosto spicciola, si potrebbe dire che identificarsi in una persona sfortunata o sofferente sia più semplice rispetto a fare la stessa cosa nei confronti di un cucciolo in disgrazia, come il piccolo delfino ucciso a causa dei selfie in Spagna.

Ma la verità è che sempre più spesso accade l’esatto contrario: con il passare degli anni, il nostro atteggiamento nei confronti degli animali (domestici e non) è profondamente cambiato, come dimostrano anche l’aumento del numero di animali domestici rispetto alla popolazione o la spesa media dedicata ai nostri amici a quattro zampe, in costante crescita già da alcuni anni.

Amiamo più gli animali che le persone? Ecco il perchè!

amiamo gli animali più delle persone
Cosa c’è dietro l’amore per gli animali (Foto Pixabay)

Sembra che ormai gli animali domestici siano anche più di un membro della famiglia: chi ne adotta uno, lo rende spesso e volentieri il sovrano di casa e si comporta di conseguenza, confermando la tendenza secondo cui amiamo gli animali più delle persone.

Ma come mai tutto ciò accade? In realtà, c’è una spiegazione ben precisa a questo atteggiamento apparentemente poco logico e inspiegabile, anzi ce ne sono svariate.
Iniziamo con una motivazione religiosa: ogni volta che preferiamo un cane o un gatto, ma anche una scimmia o un delfino, a un altro essere umano stiamo confermando la nostra fede nel Peccato Originale.

Secondo la Bibbia, il Male è iniziato con la comparsa dell’essere umano sulla Terra, come punizione divina nei confronti di Adamo ed Eva per aver mangiato la mela: inconsciamente, siamo convinti che un animale non avrebbe mai rubato la mela e non l’avrebbe mangiata contro il volere di Dio. Pertanto, amare gli animali è il nostro modo di continuare a punirci.

Ma c’è anche una motivazione più sottile, legata ad altri aspetti strettamente psicologici: amare un animale è più semplice, perchè la verità è che non ci sentiamo in competizione. Le persone potrebbero rubarci l’amore o il lavoro, oppure essere più felici di noi: questo non può mai accadere con un amico a quattro zampe.

Amiamo gli animali più delle persone perchè, anche se non parlano, ci basta guardarli negli occhi per sapere che senza ombra di dubbio non ci tradiranno mai: possiamo dargli senza riserve la nostra compassione, restando saldamente in testa alla catena alimentare. Perchè inconsciamente, sappiamo che da un punto di vista sociale il nostro cane o il nostro gatto non potranno mai scalzarci dal nostro posto di riguardo.

Potrebbe interessarti anche >>> Cane eroe, grazie al suo fiuto trova una neonata tra i cespugli

C.B.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI