Home News PETA denuncia abusi terribili negli esperimenti sugli animali

PETA denuncia abusi terribili negli esperimenti sugli animali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:56
CONDIVIDI

PETA denuncia abusi terribili negli esperimenti sugli animali: alcuni esempi di quello che avviene nei laboratori di ricerca.

abusi esperimenti animali
Abusi esperimenti animali (foto PETA)

Le organizzazioni che conducono o pagano esperimenti sugli animali contrastano l’avversione naturale del pubblico ai test sugli animali con promesse che “assicurano il benessere” degli animali, che “gli animali utilizzati nella ricerca finanziata a livello federale sono protetti dalle leggi” e che gli sperimentatori mettono “il più grande impegno per il loro comfort”. Le immagini diffuse da PETA dimostrano esattamente il contrario e creano indignazione. Proprio nelle scorse ore, una grave denuncia sul trattamento dei macachi nei laboratori universitari è emersa anche in Italia. Le foto mostrate dalla PETA sono state ottenute attraverso le leggi dei registri aperti, gli informatori e le indagini dei testimoni oculari.

Animali usati in esperimenti: la vergognosa denuncia

Presso l’Università del Wisconsin-Madison, gli sperimentatori hanno praticato dei buchi nei crani dei gatti, hanno avvitato dei fermi metallici nelle loro teste, impiantato negli avvolgimenti di acciaio e li hanno assordati in inutili esperimenti di “localizzazione del suono”. Lo sperimentatore principale ha ammesso che “il nostro obiettivo non è quello di produrre un trattamento clinico o una cura”. Una vigorosa campagna PETA ha interrotto questi esperimenti. Stephen Suomi ha diretto per oltre trent’anni esperimenti psicologici di disturbo sulle scimmie infantili presso un laboratorio del National Institutes of Health (NIH) finanziato dai contribuenti nel Maryland. Questo causava nelle scimmie traumi psicologici e malattie mentali. Un’indagine PETA su Professional Laboratory and Research Services, Inc., che ha testato insetticidi e altre sostanze chimiche su cani, gatti e conigli, ha rivelato negligenza cronica e abusi fisici oltre a esperimenti dolorosi.

L’impegno di PETA è costante e alcuni di questi laboratori sono stati chiusi, ma ovviamente questo non è sufficiente. Alla Texas A & M University, gli sperimentatori allevano cani per sviluppare la distrofia muscolare canina, che li fa diventare progressivamente disabili: decenni di abusi simili non hanno portato ad alcun progresso nella lotta alla malattia per l’uomo. Addirittura, l’esercito statunitense ha a lungo usato animali vivi, come capre e maiali, in addestramenti militari. Una legge bipartisan che include una misura sostenuta dalla PETA ha, per la prima volta, reso la tecnologia di simulazione umana il nuovo standard di riferimento per l’addestramento al trauma.

Topi e scimmie gli esseri meno tutelati negli esperimenti

Topi e ratti sono esclusi dalle magre (e spesso violate) protezioni della Animal Welfare Act, il che significa che quasi tutto può essere fatto a questi animali nei laboratori. In alcuni esperimenti viene denunciato come gli intestini dei topi vengano forati, causando perdite di materia fecale nello stomaco e uccisi lentamente e dolorosamente. La PETA in questo caso è riuscita a bloccare l’esperimento, ma altrove qualcuno già sta operando nuove sperimentazioni terribili sui topi. Le scimmie in altri esperimenti sono trattenute in sedie con le loro teste serrate in collari di metallo a vista. Quando non sono intrappolati in queste sedie, sono imprigionati in gabbie, dove molti perdono la testa.

In alcuni laboratori, accade che i topi vengano buttati in acqua e costretti a nuotare per non affogare. Nei test per cosmetici e prodotti per la casa in Cina, le sostanze chimiche vengono versate negli occhi degli animali, strofinate sulla pelle, iniettate nei loro corpi e costretti a ingoiarle. Negli anni, oltre 3.900 aziende di cosmetici e prodotti per la cura personale hanno bandito tutti questi test e ora sono elencati come “cruelty-free”. Infine, altre terribili immagini mostrato topi praticamente squartati nei laboratori per portare avanti sperimentazioni. Tutti questi esperimenti hanno causato sofferenze agli animali e non avrebbero mai dovuto essere eseguiti. Non è etico trattare gli animali come strumenti e molti metodi di ricerca affidabili e umani – inclusi organi su chip e simulatori umani altamente tecnologici – sono prontamente disponibili e già utilizzati nei laboratori di tutto il mondo.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI