Home News Angeli dei 4 Zampe Storia di Peter, l’olandese che salva migliaia di cani in Spagna

Storia di Peter, l’olandese che salva migliaia di cani in Spagna

CONDIVIDI
Peter Koekebakker
Peter Koekebakker (Facebook)

La storia di Peter Koekebakker, l’olandese che salva migliaia di cani in Spagna e poi contribuisce a farli adottare in tutto il mondo.

Con la sua lunga coda di cavallo, sembra un tipo rude, dall’aspetto simile a un biker che ascolta heavy metal. In realtà, Peter Koekebakker, 57 anni di Rotterdam, ha un animo più che nobile. Ha infatti costruito un rifugio per cani dove porta in salvo decine di animali. Quasi non c’è tempo per chiudere il recinto quando una nuvola di cani cade sul suo corpo, saltando, si direbbe felice di incontrare chi, certo, li ha salvati dalla morte. Finisce sul pavimento, tra risate, abbaiare forte e qualche graffio sul mento. Spiega: “Sono felice qui, faccio quello che mi piace, aiutare gli animali”.

Leggi anche –> Da 25 anni salva cani e gatti: Enrica e il suo ‘welfare animalista’

Chi è Peter Koekebakker, l’uomo che salva centinaia di cani

Peter è molto orgoglioso del suo lavoro. All’età di 33 anni, ha diretto una grande azienda nel settore dell’edilizia nei Paesi Bassi, con 7.000 lavoratori, di proprietà dello zio, “ero il suo braccio destro, ma la società ha chiuso”. Cose di crisi e concorrenza feroce. “Ho guadagnato circa 10.000 euro al mese, ora guadagno molto meno, ma è uno stipendio decente, e mi sento molto bene”, osserva Peter Koekebakker. La sua vita è stata piena di amici a quattro zampe, infatti si occupa di adozioni ed è alla ricerca di nuove case in tutto il mondo. Tra coloro che hanno cambiato la propria vita grazie a un cane adottato dal rifugio di Peter, c’è il popolare giornalista olandese Rob Hoogland.

L’olandese Peter Koekebakker, residente a La Linea de la Concepción (Cádiz) per 13 anni, rappresenta l’opposto di Carmen Marín, ex capo del Parco degli animali di Torremolinos (Málaga), che è stato condannato a tre anni e nove mesi di carcere come autore di uno sterminio di 1.200 animali negli ultimi tre anni. Invece Peter ha trascorso gli ultimi 13 anni salvando più di 9000 cani, principalmente a Gibilterra. 14 i Paesi nei quali sono stati distribuiti i cani per l’adozione. Molti hanno avuto la loro seconda possibilità in Germania e Olanda, dove Koekebakker è molto apprezzato per il suo lavoro contro gli abusi sugli animali.

Cosa prevede la legge in Spagna e qual è la situazione

Il principale problema che esiste in Spagna, secondo Laura Duarte, portavoce del partito animalista Pacma, “è che non esiste una legge quadro a livello statale sulla protezione degli animali, ma ogni comunità autonoma ha le sue e ci sono enormi differenze tra loro” . Madrid, Catalogna e Galizia hanno già imposto il concetto di “sacrificio zero” basato sulla “promozione dell’adozione e della sterilizzazione”, proprio ciò che Koekebakker ha fatto nell’ultimo decennio nel suo rifugio. Il Servizio di protezione della natura (SEPRONA) della Guardia Civil ha registrato in Spagna – nei primi nove mesi del 2017 – 669 reati di abuso o abbandono di animali domestici, così come 9.501 violazioni delle norme sugli animali da compagnia. Questi i dati forniti alla stampa locale. L’abuso di animali è punito nell’attuale codice penale con sanzioni di tre mesi e da un giorno a un anno di prigione. Misure che vengono ritenute insufficienti e le richieste di pene più severe stanno aumentando.

Leggi anche –> Animali esseri senzienti: parte la campagna animalista spagnola – VIDEO

GM