Rimane bloccato con la testa in un tombino: il salvataggio di uno scoiattolo (FOTO)

Foto dell'autore

By Elisabetta Guglielmi

News

In Germania i Vigili del Fuoco sono intervenuti per salvare uno sventurato scoiattolo: il piccolo, rimasto bloccato con la testa in un tombino, sarebbe morto senza il loro soccorso. 

Scoiattolo tombino incastrato salvataggio
Scoiattolo con la testa bloccata in un tombino (Screenshot foto Facebook – Feuerwehr Dortmund -amoreaquattrozampe.it)

A Dortmund, una città della Renania Settentrionale-Vestfalia, in Germania, una donna stava camminando in pieno centro quando la sua attenzione è stata richiamata da un fatto alquanto inusuale. Ai suoi piedi, incastrato con la testa all’interno di un tombino, un povero scoiattolo stava ormai esaurendo tutte le sue forze. La particolare vicenda è stata raccontata in un post corredato da alcune fotografie e condiviso su Facebook sulla pagina social di una Caserma dei vigili del fuoco della città tedesca, la Feuerwehr Dortmund (@Feuerwehr Dortmund ).

L’intervento dei Vigili del Fuoco per salvare lo scoiattolo rimasto bloccato con la testa all’interno di un tombino (FOTO)

Scoiattolino tombino testa salvataggio
I Vigili del Fuoco salvano uno scoiattolo rimasto incastrato con la testa all’interno di un tombino (Screenshot foto Facebook – Feuerwehr Dortmund -amoreaquattrozampe.it)

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE TWITTER

La donna che ha trovato lo scoiattolino stava percorrendo la percorreva la Niederhofener Straße nel distretto meridionale di Dortmund in Germania. Preoccupata per il povero animale, la donna si è fermata immediatamente e ha tentato di aiutarlo. Lo scoiattolo però era terrorizzato e, preso dal panico, ha cercato di mordere più volte la mano della passante che cercava di tirarlo fuori. La donna si è così resa conto che era necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco. Dopo aver contattato gli agenti, nell’attesa ce questi arrivassero, la passante ha coperto il roditore con una sciarpa per farlo calmare. L’equipaggio del veicolo antincendio giunto sul posto ha subito proceduto a sollevare il coperchio del tombino, cercando poi liberare con attenzione l’animale spaventato. L’impresa si è rivelata però piuttosto difficile: la testa del roditore era completamente incastrata in uno dei buchi del tombino e, inoltre, lo scoiattolo non è riuscito a comprendere come quelle persone fossero lì per aiutarlo e per questo motivo non si è mostrato affatto collaborativo. Alla fine i Vigili del Fuoco sono riusciti a liberare l’animale che è rimasto fortunatamente illeso. Appena ne ha avuto la possibilità, lo scoiattolino è fuggito a tutta velocità sulla cima dell’albero più vicino. Per il piccolo roditore deve essere stata un’esperienza piuttosto traumatizzante.

Purtroppo non è inusuale che animali di piccoli dimensioni rimangano incastrati o cadano all’interno dei tombini. Qualche tempo fa, ad esempio, un cucciolo di gatto era rimasto intrappolato all’interno di un tombino di scarico dopo essere stato trascinato all’interno da un violento nubifragio in Malaysia (comunemente indicato in italiano con il nome Malesia), uno Stato federale dell’Asia sudorientale. In quel caso fortunatamente due coraggiosi bambini, richiamati dai miagoli disperati della mamma del gattino, sono stati protagonisti dell’eroico salvataggio del cucciolo. Non solo i tombini, però, rappresentano una fonte di pericolo: spesso sono recinzioni e cancelli a intrappolare pericolosamente gatti ma soprattutto cani. Così è accaduto ad esempio a uno spericolato cagnolino di nome Indi, degno omonimo di Indiana Jones. Questo cane, oltre ad aver ereditato il nome dall’archeologo protagonista dell’omonimo franchise creato da George Lucas e comparso sul grande schermo nei film diretti da Steven Spielberg ha ereditato anche lo stesso desiderio di avventura. In una delle sue avventure si è avvicinato a una recinzione metallica e si è affacciato per vedere cosa ci fosse dall’altra parte, rimanendo bloccato con la testa tra le sbarre e richiedendo l’intervento die Vigili del Fuoco per essere liberato. (di Elisabetta Guglielmi)

Impostazioni privacy