Home News Roccaraso: l’animale goloso entra in pasticceria (VIDEO)

Roccaraso: l’animale goloso entra in pasticceria (VIDEO)

E’ accaduto a Roccaraso dove, un animale goloso non ha resistito e nella notte è entrato in una pasticceria

Scorpacciata di dolci per Juan Carrito (Screen Facebook)
Scorpacciata di dolci per Juan Carrito (Screen Facebook)

In alcune regioni d’Italia ci sono animali che non ci aspetteremo mai di vedere da vicino, meno che mai mentre bevono ad una fontanella, o passeggiano per le vie. Le loro grandi dimensioni, le grandi fauci e gli imponenti artigli farebbero paura a chiunque. Ma come si dice, l'”abito non fa il monaco”.

Stiamo parlando degli orsi. Imponenti con le loro folte pellicce sono maestosi in tutta la loro bellezza e poterli osservare da vicino è uno spettacolo sbalorditivo. All’Aquila, precisamente a Roccaraso, gli abitanti si potrebbero definire abituati alla loro presenza. Nonostante questo, quando fanno qualche marachella, continuano a stupire tutti.

Tra le ultime, c’è quella che vede come protagonista Juan Carrito, che goloso no ha resistito al delizioso profumino di dolci che proveniva dalla pasticceria. Indisturbato e probabilmente godendosi ogni singolo dolcetto rubato, ha riempito la sua pancia per poi allontanarsi senza essere visto. Scopriamo meglio cosa è accaduto.

Potrebbe interessarti anche: Orso cerca il cibo e apre le portiere delle auto (VIDEO)

L’orso goloso entra nella pasticceria a Roccaraso per mangiare dolcetti

Orso beve dalla fontanella (Screen Facebook)
Orso beve dalla fontanella (Screen Facebook)

Certamente il profumino emanato da quei deliziosi dolcetti invadeva le strade e l’orso non ha resistito. Doveva trovarli e mangiarli. Così Juan Carrito si è introdotto nella pasticceria dalla quale proveniva l’invitate cibo, per poi ingerire tutti i dolcetti che ha trovato. Le leccornie erano ancora nelle teglie pronte nei forni, ma questo non ha fermato l’animale.

Erano le 21e30 circa, ma probabilmente le strade erano deserte, perché nessuno si è “accorto” di lui e il suo “furto” ha avuto successo. Juan Carrito è uno dei quattro figli di Amarena, che qualche tempo fa era stata avvista camminare e godersi la città insieme a tutti i suoi cuccioli. L’avvicinarsi ai luoghi abitati è di famiglia e probabilmente anche il non temere l’essere umano.

L’orso furfante ha un radiocollare, così da permettere ai Carabinieri Forestali di poterlo monitorare. La sera del misfatto, si sono accorti che l’animale si fosse addentrato in un vicolo.

L’accaduto viene raccontato, in un intervista a Tgcom24, dal Comandante Luogotenente Carica Speciale: “si è infilato in un vicolo per raggiungere in fretta la pasticceria“. I militari si sono subito recati sul posto, ma ormai il furbacchione era già andato via e hanno solo potuto constatare la grande scorpacciata fatta, segnalare i danni e capire che si fosse introdotto da una finestra.

All’interno del laboratorio, rimanevano forni aperti, teglie rovesciate e briciole ovunque“.
Una volta uscito dalla pasticceria, è stato osservato che l’orso, ancora non del tutto sazio, abbia gustato frutta sugli alberi della città.

Tanti i commenti riguardanti la vicenda. C’è chi è certo essere il sogno di tutti: “Ha fatto quello che sogna di fare ciascuno di noi!“. Altri invece fanno notare che se trovassero abbastanza cibo tra i boschi, non sentirebbero la necessita di addentrarsi in città.
Alcuni trovano anche molto comica la scena nel caso fosse rientrato il proprietario: “Poi quando arriva il proprietario: Vieni a papà, esci, micio micio, micio micio… Troppo comico“.

Juan Carrito non è nuovo alle incursioni in città, infatti era già stato avvisto bere dalle fontanelle dispose sui marciapiedi. Una simpatica marachella per l’orso, un po’ meno per il proprietario della pasticceria che si è ritrovato con un gran bel problema, si può però ritenere orgoglioso: i suoi dolci sono certamente buonissimi.

 

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

F.D.M