Home News Sale sull’autobus per salutare il suo padrone

Sale sull’autobus per salutare il suo padrone

CONDIVIDI

Ha fatto letteralmente impazzire la rete e da mesi continua a circolare sui social la fotografia di un cane in un autobus a Campeche in Messico.

Più che la fotografia quello che ha decisamente conquistato gli utenti è la storia di questo cane. Infatti, nel post che accompagnava l’immagine viene svelato il mistero. Ovvero quel cane che aspettava come molti passeggeri alla fermata dell’autobus era in realtà il cane dell’autista.

“Sono andato al centro di Campeche, quando improvvisamente di fronte ad una fermata della previdenza sociale, l’autista si è fermato e ha aperto la porta per far salire un cane, esclamando: Antonino, cosa stai facendo qui? Tutti noi abbiamo chiesto informazioni riguardo all’animale e il conducente ha risposto che si trattava del suo cane: Io vivo qui e come spesso succede ha saltato la recinzione. Chiamerò qualcuno per farlo riportare a casa”.

Tuttavia, l’utente che ha pubblicato il post ha evidenziato come l’elemento più sorprendente risiedeva nel fatto che era come se il cane avesse saputo che su quell’autobus c’era il suo proprietario.

Antonino è salito sul mezzo e si è messo seduto come se nulla fosse a fianco del padrone con il quale non vedeva l’ora di farsi un bel giro. Il cane, ha sottolineato il testimone, era molto tranquillo.

Un’intelligenza davvero straordinaria che ricorda alcune storie di fedeltà come Hachiko, il bellissimo Akita Inu che in Giappone ha aspettato per ben dieci anni, il ritorno del padrone ad una stazione dei treni a Tokyo.  Oppure in Italia vi è la storia di Fido che a Luco di Mugello, in provincia di Firenze in Toscana, per quasi quattordici anni, tutti i pomeriggi partiva da casa per raggiungere la piazza del paese ad aspettare la corriera e da casa guardava sempre verso Borgo San Lorenzo.

Antonino come Hachiko, Fido o il cane della stazione di Venturina, sono esemplari che hanno saputo mostrare la fedeltà e la devozione di un cane nei riguardi del padrone. Molti altri compagni a 4zampe hanno aspettato per anni i loro padroni. Vicende alle quali non si può di certo restare indifferenti e che ogni volta ci commuovono.

C.D.