Salva un cucciolo in pericolo: il gesto eroico è la causa del suo licenziamento

Foto dell'autore

By Lisa Girello

News

L’uomo con un gesto eroico salva il cucciolo in difficoltà, ma il gesto il causa il licenziamento. La vicenda è virale.

uomo salva alce
Mark con Misty (Facebook – Northern Lights Festival)

Tutti i cuccioli di qualsiasi specie meritano di essere salvati e di fargli avere una seconda possibilità di vita, anche un cucciolo di alce. Tuttavia, a volte, questi gesti generosi non vengono visti di buon occhio, soprattutto se compiuti durante le ore di lavoro. Difatti un uomo ha perso il lavoro proprio perché ha salvato un animale da morte certa.

Il gesto gli causa il licenziamento: l’uomo salva il cucciolo di alce in un gesto eroico

Un uomo canadese lavorava presso una stazione di rifornimento carburante, ma è stato licenziato quando ha aiutato a salvare un cucciolo di alce disperato da un potenziale attacco di un orso nero.

cucciolo di alce
Misty salvo (Facebook – Northern Lights Festival)

Mark Skage, stava tornando dal lavoro, quando ha avvistato il piccolo alce abbandonato che vagava sul ciglio della strada nella Columbia Britannica. Preoccupato, ha accostato il veicolo e fatto salire il cucciolo sul suo camion, poiché aveva notato che il piccolo era inseguito da un orso nero. “Era lì a 50 metri che aspettava“, ha scritto Mark in un post su Facebook mentre raccontava l’intera vicenda. Non poteva lasciarlo lì in balia del predatore, perciò l’ha caricato sul camion a lavoro per poi dirigersi in città a chiedere aiuto.

La decisione di Mark di portare il cucciolo nel suo camion, deriva dal suo background di uomo di campagna e sapeva che ciò che stava facendo era contro la legge. “È contro la legge raccogliere animali selvatici dalla strada o in natura, ovunque. È illegale essere in possesso di animali selvatici e trasportarli“, ha dichiarato l’uomo. Con il piccolo alce a bordo del suo camion, Mark ha chiamato il suo supervisore e l’ufficiale locale per la conservazione della natura e trovare un centro di riabilitazione che si occupasse di lui finché non fosse stato pronto ad essere rilasciato. Durante il tragitto ha chiamato il cucciolo Misty.

Dopo avergli trovato una casa temporanea, pensava che la vicenda fosse finita lì, ma la sua azienda, la AFD Petroleum, aveva un problema con il suo salvataggio. Difatti la sua azione era in grave conflitto con le loro politiche sulla fauna selvatica e avevano deciso che lascarlo a casa era la scelta migliore che potessero fare. “Quindi la lezione che ho imparato è che all’AFD va bene versare carburante a terra, ma non aiutare la fauna selvatica“, ha concluso Mark. In sua difesa, l’azienda ha dichiarato che Mark doveva chiamare l’ufficiale di tutela e permettere a funzionari della fauna selvatica addestrati di gestire e trasferire Misty. Ma invece di segnalare, ha gestito da solo il piccolo alce.

uomo salva piccolo alce
Misty in macchina (Facebook – Northern Lights Festival)

Mark non si pente della sua scelta, in quanto l’orso nero e l’orso grizzly, insieme ai lupi, sono grandi predatori di piccoli di alce di alce nell’Alaska interna e nel Canada settentrionale e sono responsabili di gran parte delle loro morti. Non c’era molto tempo per pensare, l’importante era agire nel miglior interesse del piccolo Misty.

Impostazioni privacy