Home News “A San Valentino non regalate cuccioli”: l’appello AIDAA

“A San Valentino non regalate cuccioli”: l’appello AIDAA

“A San Valentino non regalate cuccioli”: questo l’appello dell’AIDAA a fronte dei molti animali riportati nelle strutture o lasciati in strada

Cucciolo con palloncino a forma di cuore (Screen Pinterest)
Cucciolo con palloncino a forma di cuore (Screen Pinterest)

Si avvicina la festa degli innamorati, festeggiata il 14 Febbraio: San Valentino.
In fermento le coppie che cercano il regalo perfetto per riuscire a dimostrare, con un dono, l’affetto provato per l’altra persona.

Tanti pensano che il miglior modo sia portare un cucciolo al proprio amato o amata.
Però la percentuale di abbandono dopo queste festività è preoccupante, soprattutto dopo San Valentino. L’AIDAA, lancia un appello ben chiaro: “A San Valentino non regalate cuccioli“!

Potrebbe interessarti anche: Un San Valentino diverso per il WWF: le difficoltà dell’amore per gli animali

L’appello AIDAA per combattere l’abbandono: “A San Valentino non regalate cuccioli”

Cucciolo (Screen Pinterest)
Cucciolo (Screen Pinterest)

San Valentino è alle porte e i preparativi per sorprendere il proprio amato o amata sono già iniziati. In molti decidono che il dono più gradito potrebbe proprio essere un animale.
Cani, gatti, pesci o animali esotici sono i più gettonati per stupire in coppia, ma le percentuali d’abbandono, successive alla festa degli innamorati, fanno preoccupare.

Infatti il 70% di questi animali vengono abbandonati, riconsegnati a gattili o canili, o nel peggiore dei casi, lasciati in strada dove probabilmente incontreranno la morte. Prima di regalare un animale a qualcuno, che sia San Valentino, Natale o un qualsiasi altro giorno dell’anno, bisogna sempre porsi alcune domande.

Ad esempio se la casa nella quale verrà tenuto è accogliente per lui, se gli altri componenti della famiglia sono d’accordo, se ci sono altri animali presenti che potrebbero non accettare un nuovo arrivato. Insomma tante le variabili che potrebbero far si che da un grazioso dono, si trasformi nell’ennesimo cucciolo solo dietro le sbarre di una struttura, in attesa che qualcuno si accorga di lui.

Sono anime che provano sentimenti e percepire la gioia del calore di una amorevole casa per poi vederselo portare via, provoca dolore e dispiacere anche in loro. L’AIDAA, Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente, ha fatto un chiaro appello: “A San Valentino non regalate cuccioli“.

Nel comunicato stampa l’associazione chiede di donare un bacio ai propri amati, piuttosto che un cucciolo senza aver pensato bene alla decisione presa. “Purtroppo il 70% dei circa 30mila animali regalati per la festa degli innamorati entrano in case che non li vogliono accogliere” spiega l’AIDAA “e sono quindi a rischio abbandono“.

Specificano che la loro preoccupazione è rivolta non solo a gatti o cani, ma anche ad altri animali come pesci o animali esotici. Con la speranza che l’amore dimostrato e tanto proclamato nella giornata del 14 febbraio sia duraturo e messo in pratica anche il resto dell’anno, vorremmo ricordare che, quando si decide di prendere un animale in casa, questo è un dono meraviglioso portatore di gioia e amore, ma che soprattutto sarà per sempre!

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube