Home News Sculture in giro per il mondo per salvare i leoni (FOTO)

Sculture in giro per il mondo per salvare i leoni (FOTO)

Le sculture saranno esposte nelle città di tutto il mondo, il ricavato delle vendite sarà devoluto per salvare i leoni dall’estinzione

Tusk Lion Trail (Screen Instagram)
Tusk Lion Trail (Screen Instagram)

Il Re della foresta è entrato a far parte ufficialmente della lista rossa stilata dal WWF, World Wide Fund for Nature, per gli animali a rischio d’estinzione. I numeri non sono dalla parte dei leoni che hanno visto diminuire i propri esemplari del 43% negli ultimi trent’anni, e le stime parlano di un ulteriore calo nei prossimi venti.

La causa? Sempre l’uomo che ancora non ha imparato a rispettare ciò che lo circonda. La diminuzione dei loro habitat unito al bracconaggio, aumentato durante la pandemia non essendo presenti gli operatori per il controllo delle aree protette, sono le principali motivazioni dell’imminente catastrofe. 26 paesi in Africa hanno già visto l’estinzione dei leoni sul proprio territorio.

La situazione è critica ed è per questo che è partita la campagna benefica Tusk Lion Trail, Il Sentiero Del Leone Zanna, che si terrà dal 10 agosto al 27 settembre 2021, in molte città di tutto il mondo. Il suo scopo è quello di sensibilizzare sull’argomento, e tutto il ricavato dalla vendita delle sculture sarà devoluto in beneficenza per salvare i leoni in Africa.

Potrebbe interessarti anche: Addio a Scarface, il leggendario leone dell Africa

Sculture che raffigurano leoni in giro per il mondo

Scultura leone esposta a Londra (Screen Instagram)
Scultura leone esposta a Londra (Screen Instagram)

Quale modo migliore per celebrare questo animale e in più riuscire ad aiutarlo? Alcuni tra i più famosi artisti internazionali, come ad esempio il bassista dei Rolling Stones, hanno dato vita a queste sculture, che esposte in tantissime città, serviranno per aiutare il Re della foresta.

Ogni scultura, che rappresenta un leone, è a grandezza naturale e evidenzia le caratteristiche che rendono speciale l’animale. Gli artisti sono musicisti, sportivi, attori e tanti altri, tutti uniti per dar libero sfogo alla propria arte e sensibilizzare sul triste destino che incombe su questi animali.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Noel Fielding (@noel_fielding)

Le sculture saranno esposte in varie città come Londra, Edimburgo e Bristol nel Regno Unito, in America a The Hamptons, a Nairobi per il Kenia, Sydney per l’Australia e Wellington in Nuova Zelanda.

Saranno 47 le sculture in totale e i fondi ricavati dalle loro vendite serviranno per supportare e conservare le zone più colpite in Africa da questo enorme problema. Il loro scopo è raccontare la magnificenza di questo animale, la sua storia, la sua importanza ma anche tutto il lavoro delle persone che ogni giorno si prendono cura di loro, lottando anche contro esseri umani spregevoli, il cui scopo è puramente economico senza avere il minimo riguardo o interesse verso la vita dei leoni.

Il Tusk Lion Trail, è un vero e proprio percorso, che tramite mappe digitali o fisiche può essere seguito da tutte le persone interessate ad ammirare le opere d’arte. Le sculture in esposizione per le strade di Londra, saranno vendute all’asta nel mese di novembre e il ricavato andrà interamente ad aiutare la causa per la quale si batte Tusk in Africa.

Fiancheggiare le strade di luoghi iconici in tutto il mondo affinché le masse possano vederle” racconta il vicepresidente delle operazioni di rete per l’Europa presso DHL, Roy Hughesprima dell’asta ci riempie di orgoglio“. Nel 2018, Tusk aveva riscosso già un grandissimo successo con il Rhino Trail, raccogliendo una proficua somma che spera di riuscire a replicare.
Insomma, un meraviglioso viaggio tra le città di tutto il mondo per salvare il Re della foresta!

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

F.D.M