Home Video Cane trascinato dal proprio padrone, alla vicina risponde: “Fatti gli affari tuoi”...

Cane trascinato dal proprio padrone, alla vicina risponde: “Fatti gli affari tuoi” – FOTO e VIDEO

CONDIVIDI

Cane trascinato da un’auto: è quanto successo agli occhi di Melissa Torrez, una donna residente in Texas che è incappata nel 59enne Mario Cardona. Si tratta di un individuo che stava sottoponendo il proprio animale domestico ad un episodio di crudeltà indicibile, del quale vi avevamo già parlato a suo tempo. Melissa, che è una sua vicina di casa, ha ripreso tutto con il proprio smartphone, allo scopo di utilizzare il video per poterlo usare contro il malfattore, colpevole di reati di violenza nei confronti dello sfortunato quattrozampe. La donna ha anche cercato di fermare Cardona, che per tutta risposta le ha intimato di farsi gli affari suoi. “Il cane è mio e ci faccio quello che mi passa per la testa”. E così ha legato il suo Pastore Tedesco ad una macchina elettrica di sua proprietà e se ne è andato scorrazzando con il malcapitato animale appresso.

Il cane trascinato da auto ha appena 10 mesi. Il filmato è stato postato su Facebook dove in pochissimo tempo ha ricevuto migliaia di visualizzazioni, oltre che di commenti estremamente negativi e di ferma condanna per quanto commesso da Mario Cardona. La polizia del posto si è avvalsa delle immagini prodotte da Melissa Torrez per aprire una inchiesta relativa al reato di maltrattamento di animali. Sono state sufficienti 24 ore per scovare il crudele uomo, incriminarlo e togliergli la custodia del cane, che ora si trova nelle sapienti mani della associazione animalista ‘Mission Animal Control’.

Cane trascinato dal proprio padrone, purtroppo ci sono tanti altri precedenti

Il cucciolone pesa anche meno rispetto a quanto dovrebbe in una situazione normale, anche se non di molto. Il fatto era accaduto circa dieci mesi fa, e per fortuna ora il quattrozampe sta bene. Cardona è anche stato sottoposto a processo nel frattempo, e sua moglie, chiamata a testimoniare, ha affermato di non essere a conoscenza di ciò che il coniuge faceva all’animale. In casa avevano altri tre cani, e per la signora Cardona il motivo del sottopeso del cucciolo in questione si spiega così. Ha anche detto che il marito soffre di depressione e che non avevano abbastanza soldi per vaccinarlo.

Alla luce di ciò il giudice ha sentenziato per l’adozione ad un’altra famiglia, fissando in diecimila dollari la cauzione di Mario Cardona. Il cane è stato adottato dal prete che presiede la parrocchia frequentata proprio dai coniugi Cardona. Ora le cose vanno molto meglio, assieme ad altri nove suoi simili. Ed a lui ha dato il nome di Ceniza, ‘Cenere’ in italiano, in quanto era stato salvato nel periodo di Pasqua. Altri episodi analoghi sono avvenuti in passato, purtroppo.

A.P.

Fotogallery

Video