Home Video Doggie school: i cani vanno a scuola mentre i padroni sono al...

Doggie school: i cani vanno a scuola mentre i padroni sono al lavoro

CONDIVIDI
contenuto 100% originale
@screen shot video

Un servizio che di certo si rivela essere più utile di quanto si pensi e a dire il vero risulta essere molto gradito dai nostri amati compagni a 4zampe.

E’ il Doggie School Bus, in una cittadina dell’Oregon, ideato e gestito da Arat Montaya. L’idea nasce come un asilo nido per 4zampe, una pensione giornaliera per i cani dei padroni che lavorano tutto il giorno e che non vogliono lasciare il loro compagno solo in casa per troppe ore. In effetti, alcuni esperti hanno evidenziato quanto tempo un cane che è un animale socievole riesce a stare da solo in casa, sconsigliando di superare le 4 ore, anche se ci sono delle razze che non soffrono molto la solitudine e l’ansia da separazione.

Ecco allora che il doggie school si rivela un ottimo compromesso e da sei anni provvede a fare divertire un branco di pelosi scatenati. Il servizio consiste anche nell’andare a prendere i cani a casa, per poi tenerli tutto il giorno, intrattenendoli in diverse attività, facendoli giocare e mangiare e socializzare con gli altri esemplari.

Lo scorso 12 agosto è diventato virale il video condiviso da un utente che documenta la reazione del proprio cane quando la mattina aspetta di andare con lo scuolabus. Nel filmato si vede un bellissimo bovaro impazzire letteralmente in casa. Quando l’esemplare sente l’arrivo del pulmino, scende di corsa le scale di casa per andare alla porta d’ingresso e attendere impazientemente che il padrone apri la porta per farlo uscire. Una volta all’esterno il cane non perde un secondo e corre come un matto verso il pulmino sul quale sale senza esitare un istante.

Dal comportamento dell’animale si può intuire quanto sia trattato bene dagli addetti e quanto apprezzi passare le giornate in compagnia. Il filmato ha ottenuto 150mila condivisioni e migliaia di commenti positivi. Impossibile non innamorarsi della gioia di questo cane e del progetto.

Un modo simpatico per provvedere alle difficoltà di molte persone nel gestire il proprio animale e che potrebbe essere tranquillamente riproposto un po’ ovunque nelle grandi città.

Basta poco per rendere felici i nostri compagni a 4zampe.

C.D.