Home Video Spagna, danno fuoco alle corna del Toro: gli ultimi strazianti istanti dell’animale

Spagna, danno fuoco alle corna del Toro: gli ultimi strazianti istanti dell’animale

CONDIVIDI
@screenshot

In Spagna non accenna a placarsi la orribile pratica di fare del male ai tori per puro divertimento. L’ultimo episodio, che ha generato davvero ribrezzo, giunge da Foios, comune della Comunità Valenciana, dove un povero animale è stato legato ad un palo. Lo scopo era quello di tenerlo immobilizzato per potergli dare fuoco alle corna. Ed il dolore è stato talmente tanto per lo sfortunatissimo bovino da indurlo addirittura al suicidio. E’ possibile vedere il tutto dal video in calce all’articolo, del quale sconsigliamo la visione alle persone facilmente impressionabili.

Il toro era stato fermato dopo essere stato tirato per la coda. E la cosa davvero spaventosa è che le persone che hanno assistito alla scena in pubblica piazza erano divertite. Il toro ha deliberatamente scelto di schiantarsi contro il palo accanto al quale era tenuto prigioniero. Lo si può vedere prendere la rincorsa e dare una fortissima testata al montante. Subito dopo è crollato esanime a terra, da dove non si è più rialzato.

“Il toro non ha sofferto”, la menzogna degli organizzatori della manifestazione di Foios

E’ stata l’associazione ‘Bulls Defenders United’ a rendere noto il fatto, rendendo anche il filmato di dominio pubblico. Ad effettuare le riprese è stato un suo consociato, che ha voluto far vedere quale barbarie fosse andata in scena. Questa qui, a quanto pare, è una pratica comune a Valencia e dintorni. E’ chiamata ‘Toro embolado’ e ha il solo scopo di generare ilarità in chi assiste al tutto, dando fuoco alle corna dell’animale. Secondo gli organizzatori della festa, “l’animale non ha sofferto”. E allora perché mai avrebbe dovuto suicidarsi? Le immagini fanno vedere che le cose sono andate in modo del tutto differente. A giugno durante una corrida era invece morto un famoso torero.

Bulls Defenders United – Pagina Facebook

GUARDA IL VIDEO