Amorequattrozampe

Caldo: come aiutare i nostri 4zampe

mercoledì, 10 giugno 2015

caldo cani

Con il caldo in arrivo e i drastici e improvvisi cambi di stagione, i nostri amici pelosi sono i primi a soffrire. Ecco perché i proprietari che hanno soprattutto cani e gatti a pelo lungo dovranno avere più accortezze per evitare ai loro amati 4zampe colpi di calore.

Ecco un elenco di piccoli accorgimenti:

IDRATAZIONE

Nel periodo estivo la disidratazione e i colpi di calore sono un pericolo costante. Per prevenirli è importante che l’animale abbia sempre a disposizione una ciotola per l’acqua così come se siete in viaggio dovete ricordarvi di portarla con voi e di fare delle soste frequenti per il vostro cane in punti dove trovare un po’ di refrigerio per l’animale.

EVITARE LE ORE CALDE

Sembra quasi scontato ribadirlo, ma è bene ricordare, come per i bambini e le persone anziane, di non fare uscire i vostri animali nelle ore più calde della giornata. Tra l’altro, i cani bianchi hanno una sensibilità maggiore ai raggi solari per cui è necessario evitare di esporre l’animale al sole in terrazzo o anche in balcone.

NON LASCIARE IL CANE IN AUTO
La cronaca è piena di vicende che riguardano tragedie dei cani lasciati in auto durante la sosta in un parcheggio Con il caldo, non basta lasciare un finestrino aperto. L’auto essendo un cubo metallico si surriscalda quando è lasciata in sosta. Anche se per pochi minuti, il cane o il gatto chiusi all’interno della macchina potrebbero riportare delle gravi conseguenze. Lo stesso per i proprietari che vanno incontro a conseguenze penali.

L’ALIMENTAZIONE CON IL CALDO

Anche per gli animali domestici, il caldo influisce sull’appetito. Nel periodo estivo, il calore deteriora gli alimenti per cui è importante non lasciare il cibo nella ciotola. Nel caso in cui si deteriorano, questi alimenti possono causare problemi intestinali all’animale.

LA TOSATURA NON E’ NECESSARIA

Infine, molte persone ricorrono alla tosatura per allievare l’animale e aiutarlo a sopportare il caldo. In ogni modo, non si tratta di una soluzione in quanto il cane tosato è più esposto a rischi di scottature da raggi solari. Inoltre, l’animale ha dei sensori che gli permettono di termoregolarsi per cui tosandolo, togliamo questa facoltà al corpo dell’animale. Lo stesso vale anche per i cavalli, quando ad esempio sono abituati alla coperta invernale. Quest’ultima incide sulla ricrescita del pelo per cui il cavallo non riuscirà a crearsi delle protezioni naturali dal freddo.


Commenti