Home Non solo Cani e Gatti Asino come animale da compagnia: carattere, alimentazione, cura

Asino come animale da compagnia: carattere, alimentazione, cura

CONDIVIDI

Con il passare del tempo e la diffusione delle macchine agricole ha dismesso i panni di lavoratore instancabile e attualmente anche l’asino è diventato un animale da compagnia

asino compagnia
Asino animale da compagnia (Foto fonte Pixabay)

Quando si pensa all’asino subito si associa questo animale ai lavori nei campi, a sentieri impervi, al trasporto di materiali pesanti. L’asino infatti è stato per decenni un instancabile assistente per l’uomo, ma col passare del tempo e con l’introduzione e la diffusione delle macchine agricole il suo ruolo è divenuto via via marginale.

Negli ultimi anni l’asino è stato “riscoperto” nell’onoterapia (terapia di sostegno per persone in difficoltà e disabili), nelle fattorie didattiche e anche come animale da compagnia.

Cosa c’è da sapere sull’asino come animale da compagnia

asino compagnia
L’asino (Foto fonte Pixabay)

Se state pensando di prendere un nuovo animale da compagnia, non sapete scegliere e tra le opzioni c’è anche l’asino visto che avete tanto spazio a disposizione, allora dovrete informarvi un po’ sulle caratteristiche fisiche e comportamentali di questo simpatico animale.

L’asino (da non confondere con mulo e bardotto, sono animali diversi) vive circa 25-30 anni (ma può raggiungere anche i 40!), come struttura fisica è un po’ più piccolo del cavallo, ha orecchie lunghe, zoccoli più stretti e la coda non folta. Mangia erba, paglia, fieno (preferisce quello tardivo o di secondo taglio), sale minerale per equini da leccare e beve acqua. L’asino pascola, bruca, non nitrisce come il cavallo ma raglia.

Il carattere dell’asino

Per anni in fiabe, favole, dicerie e modi di dire l’asino è stato dipinto come un animale stupido, pigro, cocciuto e testardo, ma in realtà non è così.  È al contrario paziente, controllato, mite, socievole, ama la compagnia di altri suoi simili o di animali diversi come pecore, mucche, galline e cani.

Ma è vero che l’asino scalcia? Questo è un altro luogo comune diffuso. Sì, l’asino scalcia ma mai senza motivo. Si tratta di un comportamento di difesa che mette in pratica quando si sente a disagio, in pericolo o infastidito. Potete capire in anticipo se l’asino sta per scalciare perché, prima di farlo, picchia in terra gli zoccoli e ha dei colpi di coda. Quindi allontanatevi per evitare rischi.

Le esigenze e la cura giornaliera dell’asino

Ovviamente per tenere un animale così grande in “casa” avrete bisogno di un terreno recintato molto grande per il pascolo e per l’esercizio fisico (circa 4.000 mq per due asini), una zona di riparo dotata di elettricità dove mettere sempre acqua fresca all’animale e un altro spazio dove stivare fieno e paglia durante i mesi invernali.

La stalla coperta deve essere di circa 4,5 mq per ogni asino (circa il doppio per due equini), il fondo deve essere ben drenato, duro e non scivoloso e le porte devono consentire all’animale di vedere all’esterno quindi devono essere più basse di quelle usate per i cavalli. È preferibile scegliere la lettiera di paglia d’orzo adatta sia per il valore nutritivo che come lettuccio.

L’asino ha bisogno di essere spazzolato regolarmente, di mangiare poco e spesso con orari regolari, di avere a disposizione, come detto precedentemente, acqua pulita e sali minerali da leccare.

Dovrete prendere contatto con un veterinario esperto per ogni eventuale emergenza o cura, con un maniscalco (artigiano che esercita il pareggio e la ferratura degli zoccoli) e con un fornitore di fieno e paglia.

Come approcciare con l’asino

Affinché non abbia timore di essere pulito e curato dall’uomo l’asino deve fidarsi. Per instaurare questo rapporto di fiducia coccolatelo, parlategli con un tono di voce calmo, grattategli con dolcezza il garrese e le orecchie, dovrete essere pazienti, costanti e calmi.

Per via del suo carattere mite, socievole e umile l’asino è un compagno ideale per i bambini e aiuta la socializzazione delle persone con difficoltà relazionali.

Alcune curiosità sull’asino

Il latte d’asina, ricco di retinolo, è utilizzato dall’industria farmaceutica e da quella cosmetica per la produzione di prodotti rigeneranti e antiossidanti. Il retinolo previene infatti l’invecchiamento cellulare e si narra che Cleopatra facesse il bagno proprio nel latte di asina per mantenersi giovane e bella.

Lucignolo, l’amico di Pinocchio, era un asino: andò col burattino nel paese dei balocchi, ma a differenza di Pinocchio rimase un asino. L’asino è l’icona del software eMule e lo troviamo anche sullo stemma della squadra di calcio del Napoli.

Potrebbe interessarti anche >>>

S.C.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI