Home Curiosita Il cane della prateria può mangiare le carote? Benefici o svantaggi

Il cane della prateria può mangiare le carote? Benefici o svantaggi

Il cane della prateria può mangiare le carote? Tutto ciò che noi mangiamo fa bene anche ai nostri animali domestici? Scopriamolo insieme.

cane della prateria mangia carote
(Foto Pixabay)

Attualmente nelle case di tutto il mondo è possibile riscontrare la presenza di diversi animali da compagnia, differenti dagli abituali.

Come infatti non si può parlare più solo di cani e gatti, in quanto il panorama degli animali domestici si è allargato e non di poco.

Si può notare infatti quanto al momento sia forte la presenza dei roditori domestici in tante famiglie, parliamo di: criceti, cincilla, porcellini d’India, cani della prateria e tanti altri.

Oggi ci occuperemo di questi ultimi e in particolare della sua alimentazione, ovvero se il cane della prateria può mangiare le carote o magari trovare una valida alternativa a questo alimento.

Il cane della prateria può mangiare le carote?

Il cane della prateria è un animale rigorosamente erbivoro ma a prescindere da ciò, la sua alimentazione per essere sana deve rispecchiare le abitudini alimentari che si osservano in natura.

cane della prateria
(Foto AdobeStock)

Il cane della prateria detiene un’alimentazione ad alto contenuto di fibre e povera di grassi: radici, erba, vegetali a foglia verde, bacche, fiori e funghi.

In cattività l’alimento principale di questo roditore deve essere senza alcun dubbio il fieno, fresco e di buona qualità.

Il fieno, per questo roditore, deve essere sempre a disposizione, poiché l’alto contenuto di fibre contribuisce alla peristalsi, ad un buon funzionamento intestinale e a determinare un senso di sazietà, che permette di ridurre l’assunzione di altri alimenti più energetici.

Molto spesso, però, per questo animale che vive in cattività, quindi a contatto con l’uomo, può diventare difficile attenersi alla sua dieta. Più che altro è il suo padrone che può indurlo in tentazione di provare alimenti diversi dalla sua abituale alimentazione.

Certe volte può capitare che mentre si è in procinto di compiere uno spuntino, c’è lì il nostro animaletto che ci guarda ed è difficile resistere alla tentazione di non offrirgli un po’ della nostra merenda o snack che sia.

In particolare oggi capiremo se il cane della prateria può mangiare le carote, se è possibile condividere questo alimento con il nostro roditore domestico.

Ebbene sì, il cane della prateria può mangiare le carote, in quanto a completamento della dieta è possibile offrire all’animale alcune verdure fresche e ben lavate.

Potrebbe interessarti anche: Il cane della prateria può vivere in casa? Conosciamo questo roditore

Le carote tra l’altro sono ortaggi a radice, ricchi di nutrienti e proprietà. Un’ottima fonte di:

  • beta carotene: un pigmento che viene utilizzato dall’organismo per la produzione di vitamina A, importante per la vista, il sistema immunitario, la crescita e lo sviluppo;
  • luteina: potente antiossidante coinvolto nella funzione visiva;
  • potassio: un minerale utile per la regolazione della pressione arteriosa;
  • vitamina k1: utile per il processo di coagulazione del sangue e la salute delle ossa.

Le carote sono molto utili e portano i seguenti benefici non solo all’uomo ma anche al cane della prateria, infatti:

  • contrastano i disturbi e le malattie dell’occhio;
  • contrastano lo sviluppo di alcuni tumori, tra cui allo stomaco e al colon;
  • contrastano l’ipercolesterolemia, grazie all’elevato contenuto di fibre;
  • favoriscono il senso di sazietà;
  • regolarizzano le funzioni intestinali.

Insieme alle carote il cane della prateria può integrare la sua alimentazione anche con altre verdure, radici e frutta, come ad esempio: vegetali a foglia verde (cicoria, cicorino, dente di leone, lattuga, rucola, riccia, scarola, belga, radicchio, catalogna, bieta e cime di rapa); verdure come carote, rape, finocchi, sedano, cetrioli, zucchine, fagiolini verdi, tuberi (patate, ravanelli) e in piccole quantità frutta (mele, pere, angurie, albicocche, ciliegie, fragole, frutti di bosco, mandarini, uva, banane e fichi).

Come per la maggior parte degli animali, non solo per i roditori, gli alimenti di uso umano da evitare sono quasi sempre gli stessi, ovvero: alimenti ricchi di grassi, e in particolare sono da escludere biscotti, cracker, semi e noccioline, ma anche alimenti per cani e gatti e altre leccornie.

Tuttavia sono da evitare anche le verdure fredde di frigo o vecchie, poiché possono causare gravi disturbi intestinali.  Inoltre ricordati che non deve mai mancare acqua fresca e pulita.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ettore D’Andrea