Home Non solo Cani e Gatti Colpo di calore nel porcellino d’India: sintomi, cura e prevenzione

Colpo di calore nel porcellino d’India: sintomi, cura e prevenzione

Il colpo di calore può avere conseguenze fatali per il porcellino d’India: scopriamo come intervenire e come agire in via preventiva.

Colpo di calore nel porcellino d'India
(Foto Adobe Stock)

Il caldo eccessivo può giocare brutti scherzi ai nostri amici a quattro zampe. Per questo è necessario giocare d’anticipo e prevenire potenziali situazioni di pericolo. Il porcellino d’India è particolarmente sensibile e vulnerabile alle alte temperature, ed il rischio di un colpo di calore, soprattutto durante la stagione estiva, è molto alto.

Riconoscere il colpo di calore nel porcellino d’India: i sintomi

L’afa dei mesi più caldi dell’anno può essere un supplizio. Soprattutto durante le ore più calde del giorno, le temperature possono raggiungere dei picchi molto alti.

Razze di porcellino d India
(Foto Pixabay)

É una corsa al riparo dal sole, cercando refrigerio dove è possibile. Anche il porcellino d’India soffre il caldo; anzi, è particolarmente vulnerabile ad esso, complice anche l’assenza di sudorazione, meccanismo di raffreddamento, ad esempio, del nostro corpo.

Ed ecco che già i 30 gradi fanno scattare l’allarme per il piccolo roditore. Per questo è importante agire in via preventiva, e allo stesso tempo imparare quali sono i sintomi del colpo di calore nel porcellino d’India.

Il roditore apparirà abbattuto: la spossatezza dell’animale è dovuta, ovviamente, alle alte temperature. Potrete trovare conferma toccando il corpo del porcellino d’India, che sprigionerà eccessivo calore. Attenzione anche al respiro affannato e ad eventuale salivazione.

Potrebbe interessarti anche: Porcellino d’India libero o in gabbia? Pro e contro della scelta

Come intervenire

Se il porcellino d’India sta male a causa dei sintomi descritti, non esitate nel contattare il vostro veterinario di fiducia od una clinica specializzata; la tempestività dell’intervento è fondamentale per salvare la vita al piccolo roditore.

porcellino d'India e veterinario
(Foto Adobe Stock)

Contestualmente il porcellino d’India va messo in un ambiente con temperatura più bassa; qui lo aiuteremo ad abbassare gradualmente la temperatura corporea. Evitiamo dunque di utilizzare acqua o indumenti ghiacciati.

Potrebbe interessarti anche: Porcellino d’India: come leggere il suo linguaggio e capirne il comportamento

Prevenzione

Chi decide di prendere un porcellino d’India come animale da compagnia deve necessariamente predisporre un ambiente di vita idoneo a prevenire un eventuale colpo di calore.

porcellino d'India
(Foto Adobe Stock)

Questo non si traduce, tuttavia, nel ricordo a soluzioni tecnologiche, come ventilatore e condizionatore, che usiamo per il nostro refrigerio.

Se da un lato è vero che il roditore soffre moltissimo il caldo, è altrettanto vero che è particolarmente sensibile agli sbalzi di temperatura. É bene dunque posizionare la gabbietta del porcellino d’India nella stanza più fresca, lontano dal fascio di luce e calore che proietterà la finestra.

L’acqua non deve mai mancare, e va cambiata più volte al giorno, in quanto deve essere fresca. L’alimentazione può venire in aiuto: le verdure favoriscono l’idratazione dell’animale.

Inseriamo all’interno della gabbia piccole fonti di refrigerio: anche le formine del ghiaccio vanno bene, purché avvolte da un panno (si ricordi quanto detto per ciò che riguarda gli sbalzi di temperatura).

Chi dispone di un giardino potrà liberarvi il porcellino d’India; evitiamo, ovviamente, durante le ore più calde, e solo laddove siano presenti diverse zone d’ombra.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

A. S.