Home Non solo Cani e Gatti Il criceto va in letargo? La differenza tra quello domestico e in...

Il criceto va in letargo? La differenza tra quello domestico e in natura

CONDIVIDI

Esistono differenze sostanziali tra il criceto in natura e quello domestico che è ormai abituato a vivere in appartamento, a determinate temperature e con cibo e acqua. Scopriamo se il criceto va in letargo. 

criceto letargo
Il criceto va in letargo? (Foto fonte iStock)

Il criceto è diventato da tempo un animale da compagnia scelto da tantissime famiglie per il suo carattere docile ed affettuoso. Si tratta di un roditore simpatico e ideale anche per i bambini che però presenta diverse differenze rispetto al “cugino” che vive in natura, piuttosto aggressivo.
Si tratta di una difformità derivante proprio dall’essere allevati e non più abituati a vivere le angherie e difficoltà della natura (procacciare cibo, sfuggire dai predatori, intemperie). Una delle differenze tra il criceto domestico e quello in natura è rappresentata dal letargo.

Il letargo del criceto

criceto letargo
Il criceto e l’arrivo delle basse temperature (Foto fonte Pixabay)

Ti stai chiedendo se, con l’arrivo dei mesi più freddi, il tuo amato roditore andrà in letargo? La risposta è no! Il criceto domestico  rimane sveglio e vigile tutto l’anno mentre in natura il criceto va in letargo (o sarebbe meglio dire in ibernazione) quando si scende sotto agli 8 gradi centigradi.

Come tutti gli animali anche il tuo criceto avvertirà il cambio di temperatura, ma non andrà in letargo.

Ricorda che la temperatura ambientale è un elemento molto importante per la vita del criceto che vive in appartamento. La temperatura ideale per un criceto è tra i 20 e i 22 gradi centigradi. A temperature più alte, già a 25 gradi ma in maniera grave attorno ai 30, la sua temperatura corporea non riesce a mantenersi tra i 30,1 e i 38,3 gradi centigradi e il criceto rischia di avere un colpo di calore (il cui nome tecnico è ipertermia o insolazione). Per questo la gabbietta deve essere posizionata in appartamento, mai al sole diretto e mai su correnti poiché il criceto domestico non ha la capacità di vivere con un clima caldo o rigido in esterno.

Se noti che, con l’arrivo dell’autunno o dell’inverno, il tuo amico di compagnia è strano, abbacchiato, debole, sonnolento e poco attivo, non pensare che sia il letargo. Dovrai portarlo da un veterinario esperto in animali esotici per un visita che ne individui l’eventuale malattia che affligge il criceto.

Potrebbe interessarti anche >>>

S.C.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI