Home Non solo Cani e Gatti Maialino Kune kune: specie rara da cortile e da compagnia

Maialino Kune kune: specie rara da cortile e da compagnia

Maialino Kune kune uno degli animali da cortile più rari con cui molte persone amerebbero abbellire il proprio giardino. Scopriamo tutto su questa specie ornamentale.

cane della prateria
(Foto AdobeStock)

Attualmente le persone amano abbellire il proprio giardino o cortile, con degli animali da cortile rari che rendono unico e molto particolare il proprio spazio esterno.

Oggi in particolare andremo a conoscere il maialino Kunekune, un esemplare molto particolare nella sua specie, che tutti vorrebbero nel proprio cortile.

Come infatti, negli ultimi decenni si è diffusa anche la tendenza ad allevare questi maialini da cortile, come animali da compagnia.

Caratteristiche del maialino Kune kune

Il Kune kune è un maialino neozelandese dotato di con gambe corte e un corpo tondeggiante e massiccio.

kune kune
(Foto AdobeStock)

Infatti in lingua in lingua Maori, la parola Kune kune significa grasso e rotondo.

Alcuni esemplari di questa specie possono ostentare una o due pappagorgia sotto il mento.

Questo cosiddetto maialino in miniatura alla fine tanto piccolo non rimane, ma finisce col raggiungere dimensioni notevoli, ovvero possono arrivare anche 230 kg e misurare 60 centimetri.

In merito alla colorazione del mantello, può essere nero, marrone, zenzero, dorato, crema e maculato.

Possiede il classico muso schiacciato, medio corto dei maiali ma a differenza degli altri è leggermente rialzato.

Il Kune kune è un maiale intelligente e sociale ma se si decide di adottarne due è meglio farlo fin da cuccioli, in quanto difficilmente accetterà l’ultimo arrivato.

Ha una durata di vita media di circa 12-13 anni, ma occorre avere cura di sottoporlo a periodici controlli veterinari e a regolari vaccinazioni.

Le scrofe diventano mature sessualmente durante il loro primo anno di età e fino ad allora non vengono fatte accoppiare con i maschi.

Potrebbe interessarti anche: Maialino nano: 12 domande che ti devi porre, se vuoi adottarlo

Origini e habitat

Il Kune kune è una piccola razza di maiale domestico originaria della Nuova Zelanda. Questo maialino ma vivere all’aria aperta nei boschi e i pascoli.

Per coloro invece che decidono di tenere il maialino Kune kune in casa, è opportuno sapere che occorre dedicare un angolo apposito per l’animale e con la possibilità di poter uscire all’esterno con facilità.

Cosa mangia il maialino Kune kune

Il maialino Kunekune a differenza di quanto si possa pensare ha un basso costo di mantenimento ed è molto semplice da gestire.

kune kune
(Foto AdobeStock)

Il Kune Kune è tra le poche razze che ha la possibilità di potersi nutrire anche solo di erba e magari aggiungendogli un po’ di alimentazione supplementare.

Chi invece decide di avere questo maialino come animale da compagnia può utilizzare pellet di pancetta e pellet di erba per integrare la dieta a base di sola erba.

Potrebbe interessarti anche: I maiali potrebbero essere i prossimi migliori amici dell’uomo

Malattie comuni dei maiali

Le malattie comuni dei maialini sono le stesse che colpiscono anche i maiali e possono essere le seguenti:

  • malattie parassitarie: sono patologie generate da parassiti interni e parassiti esterni. I primi sono i nematodi intestinali e le tenie e i secondi si riferiscono a più di 30 specie di vermi;
  • malattie respiratorie: rinite atrofica, pasteurellosi, pleuropolmonite suina, sindrome respiratoria riproduttiva suina. Esse si manifestano nei primi mesi di vita dell’animale, attraverso starnuti e tosse.;
  • malattie dell’apparato muscolo-scheletrico: l’artrite è piuttosto comuni nei suini ed ha un’origine infettiva;
  • diarrea maiale neonato: alcune infezioni primarie degli intestini causano la diarrea, ma la malattia può anche derivare da infezioni virali sistemiche, come la sindrome respiratoria e riproduttiva dei suini (PRRS), la pseudorabbia o la peste suina classica.
  • salmonellosi: la salmonella è l’agente batterico più comunemente isolato in caso di infezioni trasmesse da alimenti;
  • mastite: è un’infiammazione delle mammelle (mastiti) ed infiammazione del sistema riproduttivo (metriti) che porta ad una mancata liberazione di latte e/o calo della produzione di latte (agalassia).

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Raffaella Lauretta