Home Non solo Cani e Gatti Polli e volatili I pappagalli possono mangiare la frutta secca? Tutto ciò che dovreste sapere

I pappagalli possono mangiare la frutta secca? Tutto ciò che dovreste sapere

Noci, noccioline, castagne sono tutti alimenti buoni per noi ma per i nostri uccelli? Vediamo se i pappagalli possono mangiare la frutta secca.

i pappagalli possono mangiare la frutta secca
(Foto Pixabay)

Per il benessere di un animale domestico è necessario conoscere ciò che quest’ultimo può mangiare e non può mangiare per essere sicuri di dare al proprio animale i nutrienti di cui ha bisogno.

È risaputo che una dieta nutriente ed equilibrata per i pappagalli è composta di verdura, semi e frutta. Ma vi siete mai chiesti se il nostro amato uccello può mangiare la frutta secca? Scopriamolo qui di seguito.

Il pappagallo può mangiare la frutta secca?

In natura i nostri amati uccelli si nutrono di noci, in quanto contengono proteine, grassi sani, vitamine e molta energia.

depressione nel pappagallo
(Foto Pexels)

Tuttavia, sebbene i pappagalli possano mangiare noci e noccioline, queste ultime possono far ingrassare i nostri amati pennuti domestici.

Inoltre è necessario conoscere quale sia la frutta secca che può mangiare il pappagallo in quanto i vari aromi possono essere dannosi per l’uccello. Infatti il pappagallo non può mangiare noci salate o tostate con olio aggiunti.

La frutta a guscio, che solitamente mangiano i pappagalli in natura e che può fornire proteine, fibre, antiossidanti, vitamina E, magnesio e grassi sani, è:

  • Noci;
  • Nocciole;
  • Pistacchi;
  • Castagne;
  • Anacardi;
  • Mandorle.

Tali frutti non solo donano molta energia ai pappagalli ma rendono sane le loro piume e mantengono i loro becchi forti.

Potrebbe interessarti anche: Come insegnare al pappagallo a non beccare: cosa occorre sapere

Frutta a guscio al pappagallo: i rischi

Sebbene la maggior parte delle noci non siano tossiche per i pappagalli, dato che questi ultimi mangeranno le noci confezionate quindi salate o tostate in modo diverso, ci sono alcuni rischi per l’uccello nell’assunzione della frutta secca.

Pappagallo
(Foto Pixabay)

In primis è opportuno evitare di dare al pappagallo noci salate, aromatizzate o tostate con oli aggiunti in quanto questi ultimi contengono sodio, sostanze sintetiche che il nostro uccello difficilmente riesce a digerire.

Inoltre le noci possono essere contaminate da una sostanza tossica, l’aspergillus. Quest’ultima deriva dalle muffe, l’assunzione di tale tossina provoca l’aspergillosi nel pappagallo.

Per questo motivo è molto importante prima di dare le noci al pappagallo, aprirle e lavarle sotto l’acqua calda in modo da eliminare ogni traccia di muffa. Tuttavia è molto opportuno comprare la frutta secca in negozio alimentari e controllare la data di scadenza.

Infine anche se raramente, questi volatili possono presentare anche un’allergia alle noci. In questo caso il pappagallo presenterà occhi gonfi, prurito, starnuti e respiro affannoso.

Potrebbe interessarti anche: Il pappagallo può mangiare i finocchi? Benefici o svantaggi

E’ possibile dare al pappagallo la frutta secca solo come spuntino, se l’uccello è molto attivo può mangiare 2-3 noci al giorno, in caso contrario 2-3 noci ogni 3-4 volte a settimana, anche quando il pappagallo è anziano.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.