Home Non solo Cani e Gatti Perché il porcellino d’India ha gli occhi rossi? Cause e cura

Perché il porcellino d’India ha gli occhi rossi? Cause e cura

Perché il porcellino d’India ha gli occhi rossi? Impariamo a riconoscere i sintomi di un’eventuale patologia nel nostro piccolo roditore.

prcellino d'India
(Foto AdobeStock)

Il porcellino d’India pur differenziandosi molto dai convenzionali cani e gatti sempre più gettonati, sono oramai presenti in tantissime case.

Sono davvero in tanti a decidere di optare per un porcellino d’India o cavia, se si preferisce chiamarla così.

Il porcellino d’India infatti è molto adatto ai bambini (ovviamente con la giusta supervisione), e non disdegna ambienti in cui c’è la presenza di altri piccoli animali come ad esempio i conigli.

Perciò se decidete di adottare un porcellino d’India sappiate che non avrete grossi problemi ma di sicuro dovrete informarvi sulle eventuali malattie a cui potrete andare incontro.

Nell’articolo di oggi andremo a capire perché il porcellino ha gli occhi rossi. Come riconoscere i sintomi e come possiamo curare l’animale.

Perché il porcellino d’India ha gli occhi rossi

Il porcellino d’India non rappresenta un animale debole di costituzione, tuttavia può capitare che possa soffrire di alcune patologie.

porcellini d'India
(Foto AdobeStock)

Il motivo per cui tendenzialmente il porcellino d’India ha gli occhi rossi è riconducibile semplicemente ad una congiuntivite.

Le cause però di questa condizione nell’animale sono dovute alle infezioni batteriche, come Bordetella e Streptococcus e alle infezioni del tratto respiratorio superiore.

È possibile riconoscere i sintomi nell’animale non solo perché il porcellino d’India ha gli occhi rossi ma anche perché mostra i seguenti segnali:

  • gonfiore e infiammazione dell’occhio;
  • liquido che gocciola dagli occhi;
  • palpebre appiccicose (dalla secrezione secca);
  • rossore intorno al bordo delle palpebre;
  • secrezione piena di pus dall’occhio.

Come possiamo aiutare il porcellino d’India?

Davanti al manifestarsi di questi segnali nell’animale, la prima cosa da fare è trasportare il Porcellino d’India dal veterinario.

porcellino d'India e veterinario
(Foto AdobeStock)

Il medico per poter effettuare una corretta diagnosi effettuerà degli esami specifici sulla secrezione di sangue o pus.

Ciò aiuterà anche a identificare l’agente infettivo responsabile della condizione del roditore. Una volta stabilita la diagnosi, il veterinario potrà prescrivere una cura antibiotica e del collirio per il porcellino d’India.

Ovviamente stare pensando che non è proprio una cosa semplice somministrare del collirio negli occhi del nostro piccolo animaletto.

Gli esperti consigliano di avvolgere il roditore in un asciugamano che lo possa tenere ben bloccato da ogni genere di movimento.

Successivamente occorrerà pulire l’occhio da eventuali impurità, utilizzando un leggero collirio antisettico, come il sale borico sciolto in acqua.

Per ultimo si potrà procedere con la somministrazione del farmaco. A questo punta bisognerà osservare attentamente le reazioni dell’animale domestico al farmaco. Poiché potrebbe verificarsi un’allergia al medicinale nell’animale.

Durante la fase di recupero del porcellino d’India, è importante che esso si collochi in ambiente sano e tranquillo. Infatti gli esperti consigliano di tenere l’animale in un ambiente igienicamente pulito.

Potrebbe interessarti anche: Quante cavie ci sono? Tutte le razze del porcellino d’India con FOTO

Altre malattie del porcellino d’India

Riconoscere le malattie del porcellino d’India è importante per poter dare le giuste attenzioni e le giuste cure al nostro animaletto.

Le malattie che questo animale può contrarre possono essere:

  • ascessi: sono infiammazioni del tessuto corporeo caratterizzata da gonfiore e accumulo di pus. Possono manifestarsi sulla pelle, sui muscoli, sui linfonodi, sui denti e sulle mascelle;
  • diarrea e costipazione: la diarrea può essere causata da un virus, un’infezione batterica, parassiti interni o una dieta povera. Il sintomo più evidente sono le feci che colano. Invece, la stitichezza può essere dovuta a malattia, cattiva alimentazione o boli di pelo. Noterai che la tua cavia è stanca e ha la pancia gonfia.
  • malocclusione dentale: si tratta di un disallineamento dei denti. Occorrerà portare rapidamente la cavia dallo specialista per risolvere il problema con un regolare taglio dei denti;
  • obesità nel porcellino d’India: evitare alcuni alimenti e seguire le istruzioni di uno specialista in modo che il tuo porcellino d’India non diventi sovrappeso e sia completamente sano;
  • parassiti esterni: tipo le pulci, pidocchi, acari o mosche;
  • parassiti interni: le tenie e i nematodi sono i parassiti interni più comuni nelle cavie.
  • pododermatite: anche chiamato piede storto è un’altra malattia comune nelle cavie. Di solito colpisce gli esemplari in sovrappeso che si trovano in gabbie con fondi di filo metallico o gabbie sporche che logorano i piedi;
  • problemi urinari: dovuti alla formazione di calcoli urinari nella vescica o nei reni. Queste pietre o pietre possono depositarsi nell’uretere o nell’uretra, formando un’ostruzione che potrebbe mettere in pericolo la vita dell’animale;
  • raffreddore e polmonite: la mancanza di vitamina C rende questi porcellini d’India più inclini al raffreddore e possono persino contrarre la polmonite.
  • scorbuto: è una delle malattie più comuni nelle cavie ed è causata dalla mancanza di vitamina C.Questi animali non producono vitamina C. Pertanto, sono inclini allo scorbuto se non vengono nutriti con questa vitamina. Una buona dieta equilibrata aiuterà ad evitarlo

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Raffaella Lauretta