Home Non solo Cani e Gatti Roma, sindaco Raggi avalla provvedimento contro zanzara tigre

Roma, sindaco Raggi avalla provvedimento contro zanzara tigre

CONDIVIDI

Valeria Raggi, sindaco di Roma, ha firmato nella giornata di  ieri una ordinanza con la quale si prefigge lo scopo di arginare la presenza della zanzara tigre nell’Urbe. Questo fastidioso tipo di insetto fino a qualche decina di anni fa era poco diffuso dalle nostre parti salvo poi espandersi per la presenza di diverse situazioni favorevoli. Ed ora con l’approssimarsi del caldo il rischio che possa proliferare ulteriormente creando non pochi disagi è alto.

Nel documento presentato per questa circostanza vengono elencati comportamenti adatti e prodotti da non utilizzare per far si che la presenza della zanzara limite resti limitata in una misura accettabile. Si parla poi di disinfestazioni e di ambienti e modalità per le quali mettere in atto le stesse, con una conclusione nella quale si fa menzione speciale del Movimento Cinque Stelle (al quale la Raggi appartiene) per la sua attenzione posta alla situazione ed al decoro di Roma.

Ed ovviamente non possono mancare le critiche di turno, rivolte dall’esponente PD Valeria Baglio, consigliera di partito e che giudica il documento firmato dalla Raggi come niente di nuovo: “Da oltre 15 anni al Comune di Roma vengono presentate ordinanze simili, il cui scopo è arginare e combattere la proliferazione della zanzara tigre. Il sindaco Raggi non ha fatto niente di nuovo ma si tenta di farlo passare come un qualcosa di innovativo e chissà cos’altro”.

“Intendo comunicare invece al presidente della Commissione Ambiente di Roma Capitale, Daniele Diaco, che invece di pavoneggiarsi per l’attenzione prestata dal Comune alla salute dei cittadini bisognerebbe fare ben altro. E che se digitasse le parole ‘zanzara tigre’ sul sito istituzionale troverebbe decine e decine di procedimenti venuti prima in merito. Si tratta quindi di un qualcosa di assolutamente normale. Tra le questioni da affrontare con la massima urgenza poi figurano l’urgenza di mettere in pratica provvedimenti per ovviare alla eccessiva presenza di gabbiani, cinghiali e topi in città”.