Home Cani Adottare un Komondor: pro, contro e padrone ideale per questa razza

Adottare un Komondor: pro, contro e padrone ideale per questa razza

Cosa bisogna sapere prima di adottare un Komondor? Tutti i segreti da conoscere prima di averne uno in casa.

Adottare un Komondor
(Foto AdobeStock)

Avere un cane in casa comporta grandi responsabilità ma non solo: ci sono tanti aspetti da valutare per fare in modo che una tanto sognata serena convivenza non si trasformi in un vero incubo. Per questo è importante conoscere i pro e i contro prima di adottare un Komondor e capire anche quale può essere il suo padrone ideale: infatti troppo spesso si pensa che solo l’animale dovrà adattarsi alle regole di casa, invece siamo anche noi umani a dover possedere le caratteristiche giuste per lui. Non ci credete? Ecco spiegato.

Adottare un Komondor: 5 pro

Che cosa spinge un potenziale padrone a scegliere proprio un Komondor come animale domestico? I motivi in realtà sono diversi ma ne abbiamo selezionati solo 5: eccoli tutti.

Razze compatibili col Komondor
(Foto AdobeStock)

Molto obbediente

Una delle doti che forse più spicca nel comportamento dei cani di questa razza sono l’educazione e l’obbedienza: sebbene non sia particolarmente affettuoso ha ben altri modi per dimostrare rispetto al suo padrone, ovvero eseguendo ogni suo comando. Perfino poco prima di attaccare, un Komondor sarebbe in grado di fermarsi se solo il padrone glielo chiedesse.

Ottimo cane da guardia

Questa razza, complice la naturale diffidenza e lo spiccato istinto di protezione, si conferma essere un ottimo cane da guardia in ogni circostanza: anche questo è un suo modo per dimostrare affetto e amore alla sua famiglia, senza troppe smancerie ma con ‘fatti concreti’.

Intelligente e furbo

La sua astuzia saprà fargli riconoscere il pericolo, così da mettere in guardia tutta la sua famiglia. Infatti non sarà facile per i malintenzionati passare inosservati a questo cane: non avranno certo via d’accesso libera!

Non scappa e non si allontana

Completamente privo di istinto di caccia, questo esemplare non si allontanerà da casa sua e dalla sua famiglia: ciò vorrà dire che non saremo costretti a riconcorrerlo nelle vicinanze, poiché non avrà motivo né interesse per superare i confini della sua abitazione.

Gli piace la compagnia della sua famiglia

Ama stare in compagnia dei suoi, soprattutto del padrone: sarà anche perché è un cane che soffre la solitudine, ma non vorrà mai essere lasciato da solo. In più ha sempre bisogno di sentirsi parte integrante del branco, ovvero della sua famiglia, anche se ha un modo più ‘duro’ per dimostrare amore.

Se vuoi conoscere i contro e il padrone ideale prima di adottare un Komondor, clicca su Successivo: