Home Cani Alimentazione Cani Alimentazione del Guardiano Moscovita: dosi, alimenti e frequenza pasti

Alimentazione del Guardiano Moscovita: dosi, alimenti e frequenza pasti

Alimentazione del Guardiano Moscovita: tutte le informazioni necessarie per la dieta di questa razza, dagli alimenti, alla frequenza dei pasti.

guardiano moscovita
(Foto AdobeStock)

Quando si scegli di adottare una razza particolare di cane, occorre conoscere un po’ tutto, dalle caratteristiche fisiche, allo stile di vita.

Tuttavia, è importante anche, non sottovalutare, il tipo di dieta da somministrare all’animale.

È, come infatti, fondamentale, sapere le quantità adeguata di cibo da somministrare, oltre che conoscere gli alimenti idonei da offrire a questo stupendo molossoide allevato nell’attuale Russia ex Unione Sovietica.

Sapere qual è l’alimentazione del Guardiano Moscovita vi permetterà di crescere il vostro amico a quattro zampe soddisfatto, felice e sano.

Alimentazione del Guardiano Moscovita: quantità

Per avere le idee chiare sull’alimentazione del Guardiano Moscovita, in particolar modo sulle quantità, è bene considerare alcuni aspetti.

guardiano moscovita
(Foto AdobeStock)

Gli aspetti di cui parliamo sono fondamentalmente, le caratteristiche, l’età del cane, lo stile di vita, lo stato di salute e il genere.

Alcuni di questi punti sono soggettivi, altri invece riguardano tutti gli esemplari.

Perciò, per darvi un esempio di quantità, vi andremo a descrivere caratteristiche e stile di vita del Guardiano Moscovita.

Si tratta di un cane di tipo molossoide, allevato nell’attuale Russia. Il Guardiano Moscovita, nasce dall’incrocio tra il San Bernardo e il Pastore del Caucaso.

Misura tra i 64 e i 69 cm e pesa da 45 a 68 kg, è muscoloso, con​ una testa piuttosto voluminosa e delle gambe robuste e potenti.

Può vivere tranquillamente in casa, a patto che ad allevarlo sia un padrone con esperienza e con la possibilità di svolgere attività fisica giornaliera.

In caso contrario potrebbe prendere peso e diventare irrequieto e agitato in casa.

Il Guardiano Moscovita è un cane che può essere impiegato come cane da guardia, cane poliziotto, cane da compagnia.

A seconda del tipo di impegno a cui è sottoposto il cane, è bene somministrare una quantità di cibo adeguata.

Generalmente, un esemplare adulto richiede una razione alimentare giornaliera pari a 900-1200g da suddividere in due pasti quotidiani.

Per il cucciolo in fase di crescita è sempre bene chiedere il parere del veterinario in quanto si tratta di un animale in fase di crescita e con necessità individuali.

Ciò che è uguale per tutti, invece è la suddivisione dei pasti che può essere fino a 4 al giorno.

Cosa dare da mangiare al Guardiano Moscovita

L’alimentazione del Guardiano Moscovita cucciolo dovrà contenere prevalentemente carne rossa e magra, tagliata e servita in piccoli bocconi crudi, (evitare il macinato).

È preferibile offrire manzo, agnello e cavallo che sono quelle più adeguate. Questo tipo di alimentazione sarà utile per assimilare le proteine indispensabili a formare la muscolatura.

Per quanto riguarda il Guardiano Moscovita adulto è preferibile somministrare un’alimentazione il più completa possibile, di ottima qualità ed equilibrata.

Dovrà contenere i nutrienti necessari quali: proteine, grassi, carboidrati, minerali e vitamine per cani.

Tutto questo, a prescindere che preferiate una dieta di tipo casalinga basata sul modello BARF o un prodotto industriale venduto nei negozi specializzati.

Potrebbe interessarti anche:Razze di cani russi sconosciute: dalla Russia, alcuni cani davvero ignoti

Cosa non dare da mangiare

Per quanto grandi possano essere i nostri amici a quattro zampe, il loro organismo è completamente differente dal nostro e questo vale anche per la digestione del cane.

Per tale motivo, alcuni alimenti come ad esempio cioccolato, caffè, cibi dolci, speziati e salati, non sono per niente adatti al Guardiano Moscovita, come del resto a nessuno cane.

Oltre a questi cibi, anche i sistemi di cottura più elaborati come le fritture, possono essere dannosi per il cane, questo vale anche per la temperatura con cui viene servita la pappa.

Come infatti, temperature estreme (troppo freddo o troppo caldo) possono danneggiare l’organismo del cane.