Home Cani Alimentazione Cani Il cucciolo di cane può mangiare cibo per cani adulti? Rischi e...

Il cucciolo di cane può mangiare cibo per cani adulti? Rischi e benefici

Differenze sostanziali tra cuccioli e adulti

Cucciolo
Un cucciolo ha esigenze nutrizionali diverse da un cane adulto. (Foto Pixabay)

Le differenze del cibo per cuccioli ed adulti derivano dalle loro diverse esigenze nutrizionali, a loro volta basate sulle loro grandi differenze biologiche.

Un esempio può essere il fatto che hanno dimensioni differenti: un cucciolo è più piccolo di un adulto, per cui perde calore corporeo più velocemente.

Per questo, un cucciolo deve lavorare molto più di un adulto solo per mantenere la sua temperatura corporea (stessa cosa vale con i cani di razze più piccole e più grandi).

Questo è anche il motivo per cui i cani di razze piccole e i cuccioli amano le cucce riscaldate, tra l’altro.

Ed è anche per questo motivo che un cucciolo di cane non dovrebbe mangiare solo cibo per cani adulti.

Quando parliamo di consumare più energie, parliamo di bruciare calorie. Per cui i cuccioli hanno bisogno di più calorie in base al loro peso rispetto agli adulti.

E infatti, i cuccioli crescono rapidamente, fino a completare la loro crescita a 2 – 3 anni di età. Per questo hanno bisogno di molte risorse, diverse da quelle per vivere.

I cuccioli infatti richiedono più amminoacidi rispetto agli adulti. Queste sostanze sono degli elementi costruttivi di proteine e, di conseguenza, dei tessuti.

Proprio a causa di queste differenze biologiche, le esigenze nutrizionali di cuccioli e cani adulti sono completamente diverse.

Tali differenze sono per lo più nelle proteine. Il cibo per cuccioli, infatti, dovrebbe fornire il 22,5% delle calorie da fonti proteiche, mentre quello per adulti solo il 18%.

Certo, un cane adulto potrebbe mangiare cibo per cuccioli e tollerare livelli maggiori di proteine. Ma potrebbe aumentare i peso per la maggiore quantità di calorie.

I cuccioli invece soffrono problemi di sviluppo se mangiano solo cibo per adulti, che non contiene le proteine di cui hanno bisogno in questa fase delicata della crescita.

Inoltre, gli alimenti per cuccioli devono contenere una quantità di grassi lievemente maggiore rispetto a quella per adulti.

Se il cibo per cani adulti deve ricavare solo il 5,5% delle sue calorie dai grassi, quello per cuccioli invece deve ricavarne l’8,5%, per avere una grande dose di energie.

I grassi contengono un numero maggiore di calorie per grammo, rispetto alle proteine e ai carboidrati, per venire incontro alle esigenze dei sempre energetici cuccioli.

Gli alimenti per cani adulti, invece, sono più leggeri e per questo contengono meno grassi e calorie in proporzione.

Inoltre, il cibo per cuccioli ha una quantità di minerali diversi da quelli per adulti, come il calcio (cibo per cuccioli 1%, adulti 0,6%) e il fosforo (cibo per cuccioli 0,8%, adulti 0,5%).

Potrebbe interessarti anche: Alimentazione del cucciolo di cane: dalla nascita allo svezzamento

Cambiare la dieta del cucciolo in adulto

Come giocare con il cucciolo di cane (Foto Adobe Stock)
Quando e come modificare la dieta del cucciolo? (Foto AdobeStock)

Mentre il nostro cucciolo cresce, anche le sue esigenze nutrizionali cambiano. Avrà sempre meno bisogno di risorse per la crescita, rispetto a quelle per il mantenimento.

Per questo, mentre completa la sua “trasformazione” da cucciolo a giovane cane, dovremo farlo passare a una dieta per adulti.

Per capire quando è il momento migliore per passare al cibo per adulti, dobbiamo chiedere consiglio al nostro veterinario. Solitamente avviene tra i 18 e i 24 mesi di età.

La maggior parte dei cani rientra in questo intervallo, ma i cani di razze più piccole maturano prima, mentre quelle più grandi possono aver bisogno anche di due anni.

Ma indipendentemente dal momento in cui passiamo al cibo per adulti, il passaggio deve essere fatto in modo graduale.

Iniziamo mescolando un po’ di cibo per cani al normale pasto del cucciolo, partiamo con 10% – 20% della quantità di nuovo cibo.

Verifichiamo che non ci siano problemi intestinali, e che il cucciolo riesca a tollerarlo. A questo punto, possiamo raddoppiare la quantità di cibo nuovo il giorno successivo.

Cerchiamo sempre di rallentare in caso ci siano problemi, prima di procedere con l’aumento della quantità di cibo per adulti.

Di solito, nel giro di una settimana un cane passerà dal 100% di cibo per cuccioli al 100% di cibo per cani adulti.

Ma cosa rende un cibo per cani, un cibo “buono”, indipendentemente dall’età per cui è pensato?

Ci sono alcune caratteristiche che devono essere presenti in ogni cibo che diamo al nostro cane, a prescindere dalle differenze sostanziali per l’età del nostro pelosetto.

  • Presenza di una proteina come fonte principale di proteine (carne di solito, come pollo disossato, manzo, anatra, maiale o salmone). Dovrebbe essere il primo ingrediente indicato sull’etichetta.
  • Non includere additivi superflui (coloranti o aromi). Se non aggiunge nulla alla dieta del nostro cane, o addirittura può scatenare allergie, perché inserirlo nel cibo?
  • Zona di fabbricazione con protocolli stretti di sicurezza alimentare. Alcuni paesi hanno dei regolamenti molto più fiscali rispetto ad altri riguardo i divieti di ingredienti dannosi (Europa occidentale in genere, Stati Uniti, Canada, Australia, Nuova Zelanda).
  • Pasti e sottoprodotti a base di carne, ma sempre indicati in modo preciso. Certo, per un umano alcune parti di carne sono davvero poco appetitosi, ma andranno bene per il nostro pelosetto. L’importante è che vengano specificate le specie per sapere cosa sta mangiando.

F. B.