Home Cani Alimentazione Cani Dare l’Omega 3 al cane: rischi e benefici per il nostro Fido

Dare l’Omega 3 al cane: rischi e benefici per il nostro Fido

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:33
CONDIVIDI

L’Omega 3 è un acido grasso essenziale, ottimo per la salute. Ma va bene anche per il benessere del nostro cane? Rischi e benefici.

cucciolo omega 3 al cane
(Foto Adobe Stock)

I benefici dell’Omega 3 per gli esseri umani sono ormai noti a tutti. Ma sarà adatto anche alla salute dei nostri animali domestici? Il nostro cane può avere dei benefici da questo acido grasso essenziale, ma dobbiamo capire come fornirlo a Fido nel modo corretto e senza pericoli.

Omega 3 per i cani

Gli omega 3 sono acidi grassi essenziali polinsaturi, che fanno parte delle membrane delle cellule e hanno delle proprietà antinfiammatorie. Per questo, sono ottimi per la salute.

omega 3 cani gatti
(Foto Pixabay)

Gli esseri umani possono assumerli tramite l’alimentazione, ma i cani non possono farlo allo stesso modo, perché non sono in grado di sintetizzare questa sostanza.

Specialmente i cani che mangiano prodotti cotti ad alte temperature, possono beneficiare degli Omega 3, che vengono solitamente distrutti quando sottoposti al calore.

Inoltre, bisognerebbe mantenere sempre un perfetto equilibrio tra Omega 3 ed Omega 6. Dovremmo però acquistare dei prodotti specifici per animali, per la concentrazione perfetta.

Un integratore a base di Omega 3 non adatto agli animali potrebbe portare problemi digestivi al nostro pelosetto, e non dobbiamo nemmeno esagerare con le dosi. Assolutamente da evitare dolcificanti ed aromi.

Poiché dobbiamo includere l’Omega 3 nella dieta del nostro cane, è importante sapere quali sono le sue fonti di origine, che sono molte. 

Solitamente si trova nell’olio di pesce (specialmente quello azzurro), ma non solo. Anche in alcuni vegetali, come l’olio di lino, il lino, l’olio di soia e i semi di chia ne contengono.

Molti alimenti per cani di fascia alta vengono integrati con questi olii, ma se ne trovano anche come integratori per via orale.

Per leggere il resto dell’articolo, cliccate su Successivo: