Home Cani Alimentazione Cani Dare l’Omega 3 al cane: rischi e benefici per il nostro Fido

Dare l’Omega 3 al cane: rischi e benefici per il nostro Fido

I benefici dell’Omega 3 per il cane

Il motivo per cui dovremmo integrare l’alimentazione di Fido con l’Omega 3 è che ha molti benefici per la sua salute.

cane dal veterinario
(Foto Adobe Stock)

Questo acido grasso ha diversi benefici: effetto antiossidante, antinfiammatorio e anticoagulante. Viene infatti usato in medicina per la cura di molte patologie.

Abbiamo già in passato parlato di come dare le pillole al cane, cosa molto difficile, specialmente per chi è alle prime armi.

Durante la gestazione e l’allattamento dei cani è necessaria un’integrazione alimentare di questo acido grasso, secondo molti veterinari.

La funzione principale degli Omega 3 è la sua naturale azione antinfiammatoria, ideale per quei cani che soffrono di infiammazioni con problemi alla pelle, alle articolazioni, al cuore.

Potrebbe interessarti anche: L’olio di fegato di merluzzo al cane: quando e perché darlo a Fido

Per questo, l’uso di questi integratori può aiutare in vari casi:

  • Problemi articolari: in genere, l’Omega 3 è associato alle infiammazioni articolari e ai problemi di mobilità, ma anche ai problemi di peso eccessivo.
  • Problemi cardiaci: può essere utile per ridurre l’incidenza di problemi al cuore e di aritmie cardiache.
  • Problemi renali: riduce il contenuto di proteine nelle urine del cane.
  • Migliora inoltre la qualità della pelle e del pelo, nutrendolo.

I veterinari consigliano di usare l’Omega 3 per tutti questi motivi, sia con del cibo integrato, che con degli integratori orali (capsule o olii) per varie patologie canine.

Alcune delle patologie più comunemente trattate con questo acido grasso sono malattie degli occhi, ipertrigliceridemia, malattie digestive, malattie cardiovascolari, dermatite atopica, patologie autoimmuni.

In ogni caso, è importante che l’uso dell’Omega 3 per il cane sia prescritto e controllato dal nostro veterinario di fiducia. Il suo abuso può portare infatti a problemi digestivi ed obesità.

Potrebbe interessarti anche: Tossicità da ipervitaminosi nel cane: gli effetti dell’eccesso di vitamine

F. B.