Home Cani Il cane chiama con le zampe: il significato del suo comportamento

Il cane chiama con le zampe: il significato del suo comportamento

Il cane chiama con le zampe, un atteggiamento a cui il suo padrone è abituato. Ma cosa significa quando fido fa così con noi? Scopriamolo insieme nell’articolo.

Il cane chiama con le zampe
(Foto Pixabay)

Ogni padrone si abitua a notare tanti diversi atteggiamenti da parte del proprio amico a quattro zampe. Fido, con il suo entusiasmo e la sua inesauribile energia, sa come muoversi con il suo umano e cercare l’attenzione che vuole. Ma, alcune volte, non si è tanto sicuri dei suoi gesti. Ad esempio, vediamo cosa significa quando il cane chiama con le zampe e cosa fare a riguardo.

Il cane chiama con le zampe: il significato del suo gesto

Si tratta di un comportamento molto comune nell’amico peloso e che, quando si verifica, ci rende sempre felici. Ma siamo davvero sicuri che questo gesto non indichi qualche problema in fido? Approfondiamo qui di seguito.

Cane vuole le coccole
(Foto Unsplash)

Ci sono alcuni gesti di fido che ci fanno tanto piacere durante le lunghe giornate insieme. Quando bau scodinzola allegro intorno a noi e ci guarda con gli occhi affettuosi, non ci serve altro.

L’amico peloso è molto legato al suo padrone, il quale si prende cura di lui, e farebbe di tutto pur di stargli accanto, sentendo subito la sua mancanza.

Sono molti i momenti in cui bau ha bisogno di noi e lancia alcuni segnali inequivocabili che ci fanno capire che vuole essere preso in considerazione, coccolato e amato.

Interagire con l’umano e scoprire il più possibile sul suo carattere e le sue abitudini, fa sentire il cane parte importante della sua esistenza.

Uno dei comportamenti che si vedono più spesso in fido è quello di essere cercati con le sue zampe. Se il cane chiama con le zampe può indicare bisogno di attenzioni, cibo o altre possibili motivazioni che fanno parte della sua natura.

In cerca di contatto

Per l’amico a quattro zampe il contatto fisico con il suo padrone è fondamentale nel rapporto di amicizia.

Per fare ciò, fido utilizza gli strumenti che ha a disposizione, ovvero il suo corpo. Toccandoci con il muso e leccandoci in determinate zone, alzandosi su due zampe per abbracciarci, oppure, appunto, chiamandoci con le zampe.

Le zampe del peloso, infatti, sono una parte molto importante nella comunicazione con noi e lui sa che interagire con le zampe può scatenare una reazione positiva.

Qualunque sia la cosa di cui ha bisogno il caro compagno domestico, può comunicarla con l’utilizzo delle zampe. Ad esempio, mettendoci le zampe sul ginocchio, può indicare il desiderio di uscire a prendere aria.

Ogni necessità o esigenza di fido si traduce in un gesto specifico. In pratica, quando il cane chiama con le zampe, sa di poter ottenere ciò che chiede e di raggiungere il suo obiettivo.

Potrebbe interessarti anche: Il cane muove la zampa quando gli gratti la pancia: cosa sapere

Fido e il suo comportamento: cosa fare

Un metodo utilizzato spesso da fido è quello di chiedere le cose di cui ha bisogno con le zampe. A seconda del contesto, il cane usa questa pratica molto più apprezzata rispetto ad altre forme di comunicazione. Cosa fare a riguardo? Leggiamo meglio più avanti.

Fido e il suo comportamento
(Foto Pexels)

Come abbiamo accennato prima, il cane chiama con le zampe perché sa di essere compreso meglio e in modo più tollerabile dal suo amato padrone.

Rispetto all’abbaio o al leccare continuo, ritenuti più fastidiosi come metodi dagli umani, quando fido dà le zampe siamo portati ad ascoltarlo con più attenzione e pazienza.

Col passare del tempo, nella convivenza il peloso impara a capire le reazioni umane, comprendendo ciò che ci fa piacere e ciò che ci può infastidire nel suo comportamento quotidiano.

Il cane chiama con le zampe: la richiesta ossessiva

Dobbiamo ricordare, però, che quando fido compie un’azione è sempre perché collegata ad una necessità, un bisogno o un desiderio che vuole manifestare al suo proprietario.

Questo comporta una responsabilità da parte nostra, in quanto occorre essere vigili e capire se il suo atteggiamento si trasforma in una costante, in un’ossessione.

Se il gesto del cane si ripete nel tempo, è meglio consultarsi con un veterinario esperto del comportamento canino (educatore cinofilo o istruttore).

Forse, il cane ha bisogno di trovare maggiore sicurezza e autonomia nella relazione con il suo umano.

In un percorso impostato su attività e momenti insieme, si può migliorare la forma comunicativa con noi e farlo crescere in totale serenità, abbandonando alcuni metodi pericolosi per lui.