Home Cani Come scegliere una pensione per cani e gatti? Consigli e suggerimenti

Come scegliere una pensione per cani e gatti? Consigli e suggerimenti

CONDIVIDI

Con l’arrivo delle vacanze potresti aver bisogno di sapere come scegliere una pensione per cani e gatti: ecco i nostri consigli, suggerimenti e segreti utili

pensione cani gatti come sceglierla
Come scegliere la pensione per animali giusta? (Pixabay)

Soprattutto nel periodo estivo, può capitare di avere la necessità di partire per qualche giorno e dover lasciare il proprio cane o gatto in una pensione per animali: ma come scegliere una pensione per cani e gatti che sia davvero affidabile?

Scegliere la pensione giusta per i propri amici a quattro zampe non è una decisione da poco: tutti amiamo i nostri cuccioli in maniera totalizzante, e non vorremmo mai saperli in mani inadeguate. Inoltre, mentre il gatto può restare da solo per un paio di giorni, il cane non dovrebbe stare da solo a casa più di qualche ora: quindi, ci sono occasioni in cui la scelta della pensione giusta diventa indispensabile.

In questo articolo scopriremo quali sono le caratteristiche di una pensione per animali davvero affidabile e quali sono i piccoli segreti per scegliere quella perfetta per i tuoi cani e gatti.

Scegliere la pensione giusta per cani e gatti: ecco come fare

lesioni muscolari cane
(Foto Pixabay)

Ci sono svariati aspetti da osservare con attenzione prima di capire se una pensione per animali faccia o meno al caso nostro: ovviamente, la prima impressione con i gestori e la struttura riveste un’importanza fondamentale.

1. La professionalità di coloro ai quali dovremo affidare i nostri amici a quattro zampe è un requisito indispensabile, per cui fate attenzione a chi vi sembra “improvvisato” e privo di conoscenze specifiche. Fate una ricerca su Internet prima di andare a visitare la struttura e leggete con cura eventuali recensioni.

2. La seconda cosa da osservare sono i box, soprattutto quelli per cani: ci sono degli spazi specifici per esemplari di taglia grande? Le tettoie sono fisse, per evitare che pericolosi tentativi di fuga da parte di cani irruenti vadano a buon fine? I cani avranno la possibilità di uscire e sgranchirsi le zampe in un’area dedicata?

3. Fate attenzione anche all’igiene, che è un elemento indispensabile affinchè cani e gatti siano in salute e benessere anche durante il soggiorno in pensione. Inoltre, assicuratevi che sia disponibile un servizio di assistenza veterinaria 24 ore su 24.

4. Pensione classica o casalinga? In alcuni casi, lasciare il cane in una pensione casalinga può essere una buona idea: qui, gli animali vivono a contatto con la famiglia e hanno solitamente a disposizione un giardino in cui giocare. Questa scelta è spesso molto gradita da chi ha adottato un cane abituato a vivere in appartamento.

5. Assicuratevi che il cane o il gatto possano mantenere anche durante il soggiorno nella pensione per animali il proprio abituale regime alimentare: a volte, le strutture possono provare a risparmiare offrendo cibo di scarsa qualità agli ospiti a quattro zampe.

Scegliere una pensione per cani e gatti: cosa fare prima e dopo

Trasloco con il gatto

Prima di scegliere la pensione più adatta al vostro amico a quattro zampe, quindi, una visita di persona alla struttura è fondamentale, per accertarvi dei punti indicati in precedenza: ma ci sono altri aspetti da non sottovalutare, prima e dopo la partenza.

1. Prima di lasciare il vostro cane o gatto per l’intera vacanza, provate a portarlo per un breve periodo in pensione: prenderà confidenza con il nuovo ambiente.

2. Portate il vostro amico a quattro zampe dal veterinario per una visita completa e per metterlo in regola con tutti i vaccini, facendovi lasciare l’attestato di buona salute: a proposito, non fidatevi di pensioni che non richiedono copia del libretto delle vaccinazioni!

3. Fate al cane o al gatto un trattamento antiparassitario completo prima della partenza.

4. Lasciate in pensione un recapito telefonico cui sarete sempre raggiungibili per tutta la vostra assenza.

5. Richiedete ai gestori della pensione una ricevuta per attestare la presa in custodia dell’animale.

6. Chiedete a un amico o una persona di fiducia di fare saltuariamente e improvvisamente visita all’animale in pensione, così da verificare le condizioni in cui viene tenuto.

Potrebbe interessarti anche >>> Portare il cane all’estero in vacanza: leggi, iter e documenti di viaggio

C.B.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI