Home Cani Come funziona l’apprendimento del cane: come impara Fido

Come funziona l’apprendimento del cane: come impara Fido

Vi state chiedendo come Fido acquisisce informazioni nuove e ne fa tesoro? Ecco tutto quello che c’è da sapere sull’apprendimento del cane.

cane aggressivo
(Foto AdobeStock)

L’apprendimento del cane è diverso dall’educazione del cane. Il primo è il modo in cui il cane impara a comportarsi; il secondo consiste nell’approccio con l’uomo che insegna all’animale determinati comandi. Scopriamo tutto quello che c’è da sapere a riguardo, per scoprire come Fido impara.

Apprendimento del cane: cos’è e come funziona

L’apprendimento di un cucciolo di cane inizia con la madre e si consolida nei mesi e negli anni.

Giocare con fido adulto
(Foto Pixabay)

Il quattro zampe impara anche ripetendo determinati comportamenti associati ad una gratificazione.

In ogni caso, esattamente come per noi umani, l’apprendimento è progressivo e il cane spesso impara facendo errori.

In particolare, le strategie attraverso cui Fido impara sono tre:

  • imprinting;
  • abitudine;
  • gioco.

Imprinting nel cane

Con il termine “imprinting” si designa una idea che rimarrà impressa della coscienza dell’animale.

giocare al tiro alla fune con cane
(Foto Adobe Stock)

Il termine è stato coniato da Konrad Lorenz per definire il comportamento di un uccellino che quando esce dall’uovo segue la madre, imitandola in qualsiasi cosa.

Lo stesso vale per tutti gli animali. Nel cucciolo di cane vi è un periodo “sensibile” che va dalla terza alla dodicesima settimana, durante il quale inizia a vedere e sentire le cose che gli stanno attorno.

In questo periodo crea un legame con la madre e si tratta di un periodo estremamente importante per il suo sviluppo psichico, senza il quale si possono verificare problemi comportamentali e di socializzazione.

Potrebbe interessarti anche: Apprendimento condizionato e operante nel cane: come funziona

Apprendimento del cane e abitudine

Oltre all’imitazione, il cane impara a comportarsi attraverso l’abitudine, quando viene sottoposto ad degli stimoli ripetuti e che non s’interrompano e che non siano traumatici.

come far giocare al cane con le bolle
(Foto Pixabay)

Ad esempio il cane da caccia impara a non temere gli spari. Per fare in modo che il cane si abitui ad uno stimolo è necessario che lo stimolo sconosciuto sia di debole intensità nel primo contatto, che il cane possa sfuggire allo stimolo e che entri in contatto ripetutamente con lo stimolo.

L’abitudine assume una funzione importante che aiuta il cane a non vivere condizioni di ansia.

Ovviamente è più facile abituare un cucciolo che non un cane adulto ed ecco perché viene suggerito di far fare più esperienze possibili nei primi mesi del cucciolo: viaggi in macchina, contatto con il traffico, il temporale, scoppi, fuochi d’artificio, rumori degli elettrodomestici e quant’altro.

Si tratta di un processo di apprendimento che deve essere rinforzato nel tempo, in quanto il cane si può disabituare a determinati stimoli se non vengono ripetuti nel tempo.

Secondo alcune linee teoriche è in ogni modo possibile correggere dei comportamenti sbagliati dovuto alla mancanza dell’abitudine, attraverso un processo di desensibilizzazione sistematica che necessita tempo e pazienza.

Potrebbe interessarti anche: L’importanza del gioco nel cane: i motivi per cui fido deve giocare

L’importanza del gioco per Fido

L’apprendimento del cane può avvenire anche attraverso il gioco.

insegnare cane a non giocare modo aggressivo
(Foto Adobe Stock)

Infatti, anche se si tratta di un’attività senza scopi ma mirata alla socializzazione, attraverso di essa il cane impara a mettere in pratica determinati comportamenti in tutta libertà e a distendersi.

Si tratta soprattutto di una fase molti viva nel cucciolo. Negli esemplari adulti, il gioco aiuta a inibire l’aggressività nel cane.

Il gioco passa attraverso un rituale ben preciso individuabile nelle posture del cane che “invita al gioco”.

Il gioco è fondamentale anche come attività fisica e consolida il legame con il padrone o simili.

Inoltre, viene sottolineato l’importanza del gioco come terapia per trattare le fobie e la depressione dell’animale, ma anche i disturbi del comportamento collegati a problemi di socializzazione nel cane.

In ogni caso, bisogna fare attenzione ai giochi di “dominazione”, ovvero quando il cane tende a mordere un bastone o uno straccio oppure, eccitandosi, tende a sovrastare l’altro cane o il padrone.

Viene suggerito d’interrompere questo tipo di gioco per evitare che assuma una connotazione legata alla competizione con conseguenze spiacevoli.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.