Home Cani Educare un cane appena adottato: le mosse e i consigli giusti da...

Educare un cane appena adottato: le mosse e i consigli giusti da seguire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:51
CONDIVIDI

Un nuovo amico a quattro zampe sta per varcare la soglia di casa nostra? Ecco cosa fare per educare un cane appena adottato.

Educare un cane appena adottato
Educare un cane appena adottato: cosa cambia a seconda dell’età (Foto AdobeStock)

Stiamo per accogliere in casa un pelosetto ma non abbiamo idea di come accoglierlo? Oltre alla gioia e alle feste ci vorrà anche qualche regola, in modo da educare il cane appena adottato con le mosse giuste. Queste regole saranno importanti non solo per il suo arrivo in casa, ma anche per tutta la durata della nostra convivenza. Soprattutto se cucciolo, il cane avrà bisogno di essere guidato e di capire cosa è giusto o sbagliato: e questo compito spetta a noi.

Potrebbe interessarti ancheCane adottato da un rifugio o canile: consigli per rassicurarlo

Cosa fare prima del suo arrivo

Padrone e Fido
Padrone e Fido sul divano (Foto Pixabay)

Avete presente quando si prepara la culla e la stanza del neonato che sta per arrivare? Per il cane è più o meno la stessa cosa: infatti lui avrà bisogno di determinati accessori, che dovrà trovare già in casa, e noi avremo bisogno di documentarci su di lui e sulla sua storia. Ecco quindi un breve vademecum sulle cose da fare prima che il cane varchi la porta di casa nostra.

  • Stabilire quali sono le regole fare in modo che tutti i membri della famiglia le condividano e le rispettino (anche perché il cane non capirebbe il concetto di ‘trasgressione’ occasionale alla regola, quindi ci vuole massima coerenza da parte di tutti).
  • Acquistiamo il necessario per la sua permanenza a casa: dalla cuccia al guinzaglio, dai prodotti per la pulizia al collare antipulci etc. Di certo nei negozi di articoli per animali avremo una vasta gamma di offerte per questo tipo di prodotti e avremo l’imbarazzo della scelta tra colori, forme e altre caratteristiche.
  • Scegliere la stanza per il suo riposo: la cuccia non dovrà essere posta a caso, ma lontana da fonti di luce fastidiosa e dai rumori del traffico o anche dalla stanza dei bambini. Possibilmente è meglio evitare posti dove circolano correnti di aria fredda ma anche fonti di calore artificiali, perché potrebbero farlo ammalare (Leggi qui: Il raffreddore nel cane: sintomi, contagio, cura e rimedi naturali).
  • Prendiamo informazioni sulla sua razza e sul cane nello specifico: chiediamo al canile o al vecchio proprietario o all’allevatore quali sono le sue abitudini alimentari, così da non cambiargli la dieta in modo repentino.

Educare un cane appena adottato: le basi

Il cane è appena arrivato a casa? Di sicuro tutti i membri della famiglia lo accoglieranno con grandi feste. Facciamogli indossare la medaglina e il collarino che avevamo già comprato per lui e godiamoci il resto della giornata con lui. Infatti non siamo solo noi ad avere bisogno di conoscerlo, ma anche Fido dovrà abituarsi alla nostra presenza, capire chi sono i membri della famiglia e chi gli estranei. Infatti si consiglia di non accogliere in casa altre persone che non fanno parte del ristretto nucleo familiare: in questo modo il cane non si sentirà ‘aggredito’ dalle attenzioni di tutti.

Sarebbe opportuno portarlo al parco più vicino, magari in orari strategici quando non è troppo affollato, per fargli conoscere il posto dove andrà a fare le sue passeggiate e anche i suoi bisogni. E’ più che normale che, almeno nei primi tempi, il cane non si renda conto di dove sia opportuno ‘evacuare’: potreste ritrovarvi strani ricordini in casa. Col tempo e con pazienza gli farete capire quali sono i momenti, e soprattutto, i posti per poter espletare le sue funzioni vitali.

Fin dall’inizio il cane dovrà abituarsi a stare solo, anche se per poco tempo: non bisogna cedere al suo pianto e ai suoi occhioni dolci. Per il suo bene è opportuno che si abitui alla nostra assenza, anche perché se fosse sempre in nostra compagnia e all’improvviso lo lasciassimo da solo in casa, la sensazione dell’abbandono sarebbe ancora più forte (Leggi qui: I metodi per far abituare il cane solo in casa senza che si senta a disagio).

Educare un cane appena adottato: se si tratta di un cucciolo

Educare un cane appena adottato
Educare un cane appena adottato: cosa cambia se è un cucciolo (Foto Pixabay)

C’è differenza tra un cane cucciolo, nato da poco e quello adulto, che ha già vissuto la sua giovinezza e che, molto probabilmente, avrà già acquisito un’educazione. Nel caso del cucciolo quindi è normale che lo si paragoni ad una sorta di tabula rasa su cui scrivere: in effetti è più semplice impartire delle regole ad un cane piccolo, che assorbe ogni insegnamento come una spugna, piuttosto che cambiare le abitudini (magari, ahimè, sbagliate) consolidate di un Fido ormai grande.

Fin da principio il cucciolo dovrà imparare a socializzare non solo con i membri della sua famiglia, ma anche con i suoi simili. Parallelamente al calendario delle vaccinazioni (Leggi qui: Vaccini cane: consigliati, facoltativi, tempi e costi) e alle pratiche burocratiche (Leggi qui: Microchip al cane: cosa è, a cosa serve, costi e curiosità), diamogli la possibilità di interagire con gli altri cani al parco e anche con umani estranei (sempre sotto la nostra sorveglianza, si intende). Educare un cane cucciolo appena adottato richiederà calma e pazienza, quindi è bene mettere in conto anche questo prima di accoglierne uno in casa.

E se fosse adulto?

Cane e padrone
Padrone coccola il suo cane (Foto AdobeStock)

Se il cane adulto che entra in casa è già stato ben educato, non sarà assolutamente difficile fargli capire quali sono i suoi luoghi e quali le regole che vigono nella sua nuova famiglia. E’ ovvio che il cane sia già abituato a trattenere i suoi bisogni fino alla passeggiata e saprà rapportarsi ai suoi simili e agli altri umani. Infatti nel caso del cane adulto appena adottato si tratterà di ‘sostituire’ nella sua mente e nelle sue abitudini le persone, i luoghi e gli spazi. Riconoscerà in un membro della famiglia il suo padrone e saprà quali sono i comportamenti errati, che comporteranno inevitabilmente una punizione (Leggi qui: Disturbi comportamentali: rieducare un cane aggressivo) e quelli corretti, che meriteranno un premio o rinforzo positivo.

E se volessimo adottare un cane randagio? L’argomento è stato già trattato nel seguente articolo: Adottare un cane senza microchip: l’iter da seguire e gli errori da evitare. Nei casi più ‘dsisperati’ c’è sempre la possibilità di rivolgersi ad un educatore cinofilo, che di certo saprà darci i consigli più specifici per la nostra situazione.

Francesca Ciardiello