Home Cani La colica nel cane: colite o semplice corpo estraneo?

La colica nel cane: colite o semplice corpo estraneo?

CONDIVIDI

DEFINIZIONE DI MALATTIA:

@Getty images

Per colica si intende una grave forma di dolore addominale o renale. Nel primo caso si parla di colica addominale, dovuta a un’alterazione della motilità intestinale (per esempio, stipsi, costipazione o enteriti). In caso di colica renale l’organo interessato è l’uretere e spesso il dolore acuto si ha in concomitanza al passaggio di calcoli alla vescica tramite l’uretere.

La colica addominale prende anche il nome di sindrome dell’intestino irritabile che in medicina umana intende dolorabilità intestinale, del duodeno e del colon, senza però avere una causa conosciuta.

In medicina veterinaria, non esiste una patologia dell’intestino irritabile, ma c’è comunque un nesso con i dolorosi fastidi legati all’intestino senza una causa evidente se non da parassiti intestinali, errori nella dieta, batteri, infiammazione della mucosa.

SINTOMATOLOGIA:

I sintomi che possiamo riscontrare nella colite sono:

  • feci non formate con presenza di sangue rosso vivo e muco
  • sforzo defecatorio
  • aumentata frequenza degli atti defecatori (spesso più volte al giorno)
  • emissione di piccole quantità di feci

In genere, i cani affetti da colite acuta non manifestano segni di malattia sistemica. Al contrario, i cani con colite cronica possono sperimentare un dimagrimento clinicamente significativo.

Un episodio occasionale di colite acuta non è raro. Ovviamente bisogna sempre far attenzione se i sintomi sono persistenti  specie se inclusivi di segni sistemici di malattia. Anche se i cani molto spesso hanno fenomeni di vomito per varie ragioni, la presenza di vomito ripetuto, inappetenza, dimagrimento e letargia, vanno assolutamente comunicata al veterinario.

DIAGNOSI DI MALATTIA:

Dato che i sintomi della colite possono essere ricondotti ad altre infiammazioni dell’apparato digerente, è bene eseguire una diagnosi differenziale in fase iniziale valutativa. Molte allergie e intolleranze verso proteine specifiche o verso il lattosio, possono causare reazioni dolorose e fenomeni di diarrea acuta che potrebbero far pensare ad un soggetto affetto da colite. Anche il cancro al colon o all’intestino può causare sintomi simili alla colite. Il sangue rosso vivo nelle feci può essere un fattore che può allarmarci.

TERAPIA FARMACOLOGICA:

Digiuno di 24-48 ore con graduale introduzione di una dieta blanda (leggera) seguita dalla graduale reintroduzione della dieta normale del cane. Può essere un trattamento sufficiente per molti cani che presentano colite acuta.

Nei cani affetti da colite cronica, possono essere provati cambiamenti alimentari passando all’utilizzo di diete ipoallergeniche. Nel caso in cui notiamo miglioramenti sarà perchè il nostro cane era allergico ad una o più proteine.

Il trattamento con antiparassitari può svolgere un’azione efficace contro quei parassiti intestinali (coccidi, giardia) che provocano diarrea, stress e indebolimento dell’animale.

Mentre invece gli antibiotici possono essere usato on caso di infezione o infiammazione di origine batterica.